Guerra in Ucraina: continua lo sforzo della rete Caritas

DOMANI LA PREGHIERA, PROSEGUONO GLI AIUTI:
SUPPORTO ALLE VITTIME DELLA GUERRA IN UCRAINA

Grande sforzo della rete internazionale e delle Caritas locali nel paese
dove si combatte e in quelli confinanti. Caritas Ambrosiana sostiene
tali azioni con la raccolta fondi, e si prepara all’accoglienza dei profughi

Caritas Ambrosiana, accogliendo l’invito di Papa Francesco, rilanciato dalla Conferenza Episcopale Italiana, si unirà domani, mercoledì 2 marzo, alla Giornata di preghiera e digiuno per invocare la pace in Ucraina. Alle ore 13, operatori e volontari si incontreranno per una celebrazione nella chiesa di San Bernardino alle Ossa, in piazza Santo Stefano a Milano.

La preghiera è la principale, ma non l’unica azione promossa in questo drammatico frangente della storia d’Europa. Il conflitto in Ucraina, con le sue pesanti conseguenze umanitarie, vede infatti mobilitata l’intera rete internazionale Caritas. Nel paese coinvolto dai combattimenti, Caritas Ucraina (espressione della Chiesa greco-cattolica di rito bizantino) e Caritas Spes (espressione della Chiesa cattolica latina) stanno cercando di soccorrere la popolazione facendo leva sulla capillare rete di centri di servizio cui avevano dato vita nel tempo; nei paesi di confine, le rispettive Caritas nazionali e le loro articolazioni diocesane e territoriali stanno accogliendo e aiutando le migliaia di persone, in prevalenza donne e bambini, usciti dai confini dell’Ucraina. La confederazione Caritas Internationalis coordina gli aiuti provenienti da tutto il mondo; anche Caritas Italiana e Caritas Ambrosiana stanno facendo la loro parte, raccogliendo fondi a sostegno delle azioni condotte dalle organizzazioni sorelle.

In Ucraina, in particolare, le attività sono in atto in 19 centri, sparsi nell’intero paese e nei quali vengono erogati beni d’urgenza, pasti, docce, indumenti, forniture igieniche, ma anche supporto psico-sociale e servizi di trasporto per raggiungere amici e parenti. Inoltre, grande cura viene prestata ai minori ospitati in 22 case-famiglia o raggiunti negli orfanotrofi pubblici; la rete Caritas ha allestito anche 5 Child Friendly Spaces, strutture aggiuntive, nell’ovest del paese, per accogliere, accudire ed educare minori in fuga a causa della guerra.





Attività analogamente intensa si sviluppa nei paesi confinanti. Le Chiese e le Caritas di Polonia, Moldova e Romania sono in prima fila nell’organizzazione dell’accoglienza dei rifugiati. I flussi sono composti soprattutto da donne, bambini e anziani; al fine di ospitare i profughi, nella Repubblica di Moldova la Caritas ha aperto 3 centri per 500 posti letto, in Polonia le Caritas diocesane hanno messo a disposizione 2.500 posti letto e attivato volontari per sostenere le famiglie accolte nei centri predisposti dalle autorità pubbliche. Vicinanza e solidarietà sono espresse anche a quanti sono dovuti scappare in Russia, nella regione di Rostov, che negli anni avevano ricevuto il sostegno della Caritas diocesana locale e di Caritas Italiana.

Le Caritas chiedono un aiuto finanziario per far fronte a tale spiegamento di energie e interventi. A questo scopo Caritas Ambrosiana conferma la raccolta fondi avviata sin da giovedì 24 febbraio. Alle Caritas parrocchiali e alle proprie realtà territoriali ha sconsigliato fortemente di effettuare raccolte di generi alimentari, medicinali, indumenti e altri materiali, poiché al momento non è possibile assicurarne il trasporto e garantire un’effettiva distribuzione ai reali destinatari; inoltre, i costi di trasporto e le procedure doganali rischiano di rendere altamente inefficace questo tipo di sostegno. Analoghe considerazioni, di sicurezza e logistiche, sconsigliano in questa fase l’invio di volontari.

Sul versante dell’accoglienza dei profughi pervenuti o che perverranno in Italia (sinora pochissimi casi, attraverso canali non istituzionali, presso parenti già presenti nel nostro paese), Caritas Ambrosiana sta raccogliendo dal territorio disponibilità per dare vita – qualora se ne palesi la necessità, d’intesa con le autorità pubbliche – a una rete di accoglienze diffuse in appartamenti, spazi parrocchiali, locali appartenenti a istituti religiosi o a privati cittadini. Per segnalare la disponibiltà all'accoglienza e per conoscere le indicazioni pratiche per l'accoglienza rimandiamo alla pagina dedicata.

Alle Caritas parrocchiali e ai rispettivi Centri d’ascolto viene inoltre chiesto di monitorare la presenza, nei territori, di profughi accolti presso le abitazioni di parenti e conoscenti già da tempo in Italia, per rilevarne eventuali bisogni.

Infine, per avere informazioni circa gli aspetti legali dell’accoglienza (permessi, ricongiungimenti familiari, minori non accompagnati) è possibile contattare il Servizio Accoglienza Immigrati (sai@caritasambrosiana.it / tel. 02.67380261) o l’Area Stranieri di Caritas Ambrosiana (stranieri@caritasambrosiana.it / tel. 02.7603711)

Info sull’evolversi degli aiuti: tel. 02.40703424 (lunedì-sabato, ore 10-20).




MATERIALI PER LA PROMOZIONE E PER LE PARROCCHIE

Locandina 50x70 in formato PDF da scaricare e stampare
Manifesto A3 in formato PDF da scaricare e stampare
Depliant A4 in formato PDF da scaricare e stampare
Immagine Whatsapp/Telegram da scaricare e inviare

 


Sostieni gli interventi di emergenza della rete Caritas

Dona Ora con Carta di Credito


IN POSTA
C.C.P. n. 000013576228 intestato Caritas Ambrosiana Onlus - Via S. Bernardino 4 - 20122 Milano.
 
CON BONIFICO
C/C presso il Banco BPM Milano, intestato a Caritas Ambrosiana Onlus IBAN:IT82Q0503401647000000064700

CAUSALE OFFERTA: Conflitto in Ucraina

Per motivi di privacy le banche non ci inviano i dati di chi fa un bonifico per sostenere i nostri progetti.

Se vuoi ricevere la ricevuta fiscale o il ringraziamento per la tua donazione contatta il nostro numero dedicato ai donatori al numero 02.40703424

IMPORTANTE
Caritas Ambrosiana non effettua raccolte di vestiti, generi alimentari, medicinali, coperte o qualsiasi altro bene in quanto non possiamo garantire il trasporto di questi prodotti vista la situazione di conflitto in atto, le procedure doganali e i costi di trasporto. Caritas Ambrosiana raccoglie solamente offerte in denaro.
Caritas Ambrosiana invita le Caritas sul territorio della diocesi ad attenersi a questa indicazione.




Per le offerte effettuate dal 1° gennaio 2021 Caritas Ambrosiana è tenuta a comunicare all’Agenzia delle Entrate i dati delle erogazioni liberali per consentire l’inserimento delle stesse nelle dichiarazioni precompilate ai fini di detraibilità e/o deducibilità fiscale.
La scadenza per l’invio dei dati da parte di Caritas Ambrosiana è il 16 marzo 2023.
Per poter adempiere a ciò è necessario che Caritas sia in possesso dei dati fiscali di chi effettua la donazione entro la fine del 2022.
 
Comunica subito i tuoi dati quando fai una donazione così da non perdere l’occasione. 
 
Per effettuare l’opposizione alla comunicazione è possibile seguire la procedura indicata sul sito www.agenziaentrate.gov.it.

 
Per qualsiasi informazione 02.40703424
 
Le donazioni sono detraibili/deducibili fiscalmente


newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Regali solidali
EVENTI E INIZIATIVE
06/11/2022
Iniziative

Giornata diocesana Caritas e Convegno Diocesano

Domenica 6 novembre si celebrerà la Giornata Diocesana Caritas - Giornata Mondiale dei Poveri per la Diocesi di Milano. I materiali a disposizione, il programma del convegno diocesano e la diretta streaming...

27/10/2022
Iniziative

Webinar progetti Avvento 2022

Segui la diretta streaming del webinar di presentazione dei progetti di Avvento di carità per il 2022 sul canale Youtube di Caritas Ambrosiana. Ci saranno interventi dal Nepal, dal Niger e dalla Turchia da parte dei responsabili dei progetti. Guarda la diretta ora...

25/10/2022
Convegni

Presentazione dati povertà 2021

Martedì 25 ottobre 2022, dalle ore 10,00 alle ore 12,00, in modalità mista (on-line e in presenza, per un numero limitato di posti, presso la sede di Caritas Ambrosiana, in via San Bernardino n° 4 - Milano) si terrà il convegno di presentazione del “Rapporto sulle povertà nella Diocesi di Milano. Dati 2021”. Iscriviti gratuitamente all'evento in presenza oppure on-line...

15/10/2022
Convegni

La Chiesa e la crisi energetica, convegno in Curia

Nell’appuntamento del 15 ottobre, concluso dall’Arcivescovo, i vari aspetti dell’emergenza, gli strumenti per farvi fronte e, soprattutto, l’esigenza di modificare gli stili di vita e di ritessere legami di comunità. Iscrizioni online, diretta web

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 

Corridoi universitari. Un futuro denso di promesse


IIt’s a dream, è un sogno. Non ha cessato di ripeterlo, per l’intera prima giornata dopo il suo sbarco a Malpensa, la studentessa di origine burundese... Leggi qui


IN EVIDENZA
Carcere
Morire di carcere

Il 2022 segna il macabro record dei suicidi dietro alle sbarre. Sono 79 le persone che si sono tolte la vita in carcere: una ogni 4 giorni. Non è un fenomeno pu ...

Notizie
Convegno Caritas sulla Pace

LA VIA DEL VANGELO È LA PACE. Convegno con l’Arcivescovo, poi la Giornata diocesana Monsignor Mario Delpini aprirà la mattinata di riflessioni con accademici ...

La nostra offerta
Progetti in evidenza
Regali solidali - Le prime consegne

Grazie alla generosità dei nostri sostenitori abbiamo iniziato la distribuzione di kit scolastici per i bambini ucraini ospitati presso il centro di Balti in Mo ...