Basta favori ai mercanti di armi!

"Esiste un collegamento che non può essere negato tra la produzione e il commercio delle armi e i conflitti che insanguinano il pianeta. Per questa ragione è necessario che vi sia la massima consapevolezza sul percorso che queste armi fanno, soprattutto quelle che rischiano di finire nelle mani di regimi impegnati in azioni di repressione interna o in conflitti armati all’esterno dei loro confini.

Per la stessa ragione è necessario che ogni ipotesi di vendita di armi sia accuratamente esaminata proprio per minimizzare il rischio che quelle stesse armi finiscano in mani sbagliate, e per assicurarsi che ogni transazione di questo tipo avvenga nella cornice dei trattati internazionali su questa materia a cui l’Italia ha aderito.
 
In un percorso che vede la legge 185/90 affermare all’articolo 3 la necessità di predisporre “…misure idonee ad assecondare la graduale differenziazione produttiva e la conversione a fini civili delle industrie nel settore della difesa”, è importante assicurare la trasparenza di queste transazioni: quali sono i beneficiari delle transazioni finanziarie dietro al commercio di armi? Quali sono le banche, quali gli istituti di credito? Si tratta di una elementare richiesta di trasparenza, simile a quella che pretendiamo di trovare sulle etichette dei prodotti che consumiamo.

Tutto questo (il controllo e la consapevolezza politica dei flussi di commercio delle armi, il rispetto dei principi di rispetto dei diritti umani, la trasparenza delle transazioni) rischia oggi di essere completamente cancellato a causa delle modifiche proposte alla stessa legge 185/90: con il pretesto di una “semplificazione delle procedure”, si rende il commercio delle armi opaco e non tracciabile per l’opinione pubblica, quasi che l’esportazione di un container pieno di bombe possa essere trattato allo stesso modo di un container pieno di formaggio o di frutta.

L’Italia continua ad essere uno dei produttori di armi più importanti a livello mondiale, ed è importante – soprattutto nella situazione attuale, nella quale il commercio delle armi è ormai considerato da molti una necessità quando non anche un vero fattore di sviluppo del paese (anche se dati e numeri direbbero altro…) – che si continui a mantenere uno sguardo attento e una prospettiva di trasparenza.
 
Per questa ragione anche Caritas Ambrosiana, con Caritas Italiana, ha deciso di aderire alla campagna di difesa della legge 185/90: non una legge “pacifista” ma una legge che fissa degli standard minimi per un’attività che non può essere trattata alla stregua di altre.

Le richieste di questa campagna, promossa dalla rete Italiana Pace e Disarmo sono semplici e minimali, dettate dal buon senso: aumentare il livello di consapevolezza politica sull’export di armi, permettendo una interlocuzione diretta sugli acquirenti di armi italiane che violano i diritti umani anche da parte delle organizzazioni della società civile; integrare la menzione del trattato internazionale sul commercio delle armi, già firmato e ratificato dall’Italia; mantenere un alto livello di informazione e trasparenza sulle transazioni di questo tipo.
 
Più armi nel mondo, più armi in mani sbagliate sono un pericolo per la sicurezza di tutti. Il commercio delle armi non è un commercio qualsiasi. Ogni cittadina e cittadino ha diritto di sapere qual è il ruolo del nostro paese nel commercio di quelli che anche papa Francesco ha in molte occasioni definito come “strumenti di morte”."

Da Caritas Italiana
 
newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Regali solidali
EVENTI E INIZIATIVE
13/06/2024
Convegni

20 anni di educazione al debito responsabile e di prevenzione dell’usu ...

Giovedì 13 giugno 2024 dalle ore 9:30 alle ore 12:30 - Università Cattolica del Sacro Cuore - Largo Agostino Gemelli 1 - Milano - Sala Pio XI. Iscriviti gratuitamente all'evento. Il convegno sarà dedicato ai temi del sovra indebitamento delle famiglie, delle disuguaglianze sociali ed economiche e del contrasto all’usura...

24/05/2024
Convegni

Disabilità e povertà nelle famiglie italiane

Venerdì 24 maggio alle 10.30 a Milano sarà presentata, alla presenza dell'Arcivescovo, la prima ricerca “Disabilità e povertà nelle famiglie"

20/05/2024
Convegni

Una riforma che si fa attendere

La Commissione Anziani di Caritas Ambrosiana propone uno spazio di confronto in cui fare il punto sulle politiche a favore delle persone anziane

17/05/2024
Iniziative

Fango - Storia di un'alluvione e di profonda umanità

Reading teatrale sull'alluvione in Emilia-Romagna.

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
L’europa con un’anima, fiaccola di speranza
Ma a noi, a noi Caritas, a noi cristiani, a noi operatori e volontari impegnati sugli aspri fronti della lotta alla povertà, dell’impegno per l’eguaglianza, della costruzione della pace, alla fin dei conti che c’importa dell’Europa?... Leggi qui

IN EVIDENZA
Tabella trasparenza
Trasparenza 2023

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2023 dalla pubblica ammini ...

La nostra offerta
Numero dedicato donatori
Vuoi fare del bene? Chiamaci...

02.40703424 è il nuovo numero da chiamare per sapere come fare del bene... meglio! Chiama il nostro numero dedicato ai donatori Caritas, riceverai tutte le info ...

Progetti in evidenza