Est Europa




La presenza di Caritas Ambrosiana in Europa ha preso avvio all’inizio degli anni ’90.

Nel 1991 la crisi tra le diverse Repubbliche della Federazione Jugoslava sfocia in un conflitto lungo e incontrollabile e l’impreparazione della comunità internazionale facilita l’estendersi della guerra.

Caritas Ambrosiana è intervenuta sin dall’inizio della crisi nei Balcani della ex Jugoslavia, a fianco della popolazione, lavorando in accordo con le Caritas locali, portando aiuti umanitari in Croazia e, soprattutto, durante la fase acuta della guerra in Bosnia ed Erzegovina (1992-1995).


Ma a partire dal 1996 è stato possibile iniziare a programmare interventi di riabilitazione e sviluppo. In particolare in Bosnia ed Erzegovina, Serbia (nella regione della Vojvodina), Montenegro (nella città di Bar), e in Kosovo, nell’area di Djakova.


Dopo la metà degli anni ’90, Caritas Ambrosiana ha incominciato a interessarsi ad altri paesi dell’Europa dell’Est, a partire dall’Albania, sconvolta dalla crisi interna e dal successivo conflitto in Kosovo.

 

Nel 1999, a seguito del devastante terremoto avvenuto in Turchia, è iniziata una collaborazione con la Caritas locale proseguita fino al 2008.

 

L’attenzione si è spostata quindi verso Romania, Bulgaria e le repubbliche dell’ex blocco sovietico, individuate come aree prioritarie di intervento e a partire dal 2004 sono state avviate relazioni con la repubblica Moldova, l’Ucraina, la Bielorussia, la Georgia e la Federazione Russa.

 



In Europa orientale, negli ultimi 10 anni, abbiamo realizzato 121 progetti. Di questi, 37 sono stati finanziati grazie alle micro-realizzazioni mentre, i progetti di emergenza, riabilitazione e sviluppo sono stati 84, per una spesa complessiva di circa 3 milioni di euro.

 

Grazie al progetto “Cantieri della Solidarietà”, nato nel 1997 quando, a partire dalla collaborazione con le popolazioni dei Balcani martoriate dai conflitti, nasceva l’idea di far incontrare i giovani locali con i giovani italiani, dal 2003 abbiamo coinvolto 513 volontari in progetti in Albania, Bosnia, Bulgaria, Georgia, Kossovo, Repubblica Moldova, Montenegro, Romania, Serbia, Turchia e Ucraina.

 

Il progetto di servizio civile all’estero, sperimentato per la prima volta nel 2003, ha permesso inoltre di inviare 29 giovani che, per un anno, si sono inseriti nei cammini e nei progetti avviati dalle comunità locali della Bulgaria, Repubblica Moldova, Romania, Serbia e Turchia.
 

18/11/2016
Est Europa

Percorsi di formazione per volontari

Con i fondi raccolti durante la Quaresima di Fraternità 2016 è stato possibile supportare la formazione di volontari di Caritas Macedonia a supporto dei migrant ...

14/11/2016
Est Europa

Una mensa per i migranti

A Belgrado, con i soldi raccolti durante la Quaresima di Fraternità 2016, è stata realizzata una mensa che possa fornire pasti caldi ai migranti.

11/04/2016
Est Europa

Un Child Friendly Space per i bambini ucraini

Ad Odessa, in Ucraina, è stato creato un centro chiamato "Child Friendly Space" per i bambini che hanno subito i traumi della guerra e dell'abbandono della loro ...

27/11/2015
Est Europa

UN AIUTO AI POVERI TRA I POVERI: il "Club della Salute Mentale" di Nis

Il "Club della Salute Mentale" di Nis nasce da un progetto di Quaresima del 2014 supportato da Caritas Ambrosiana e attivato sul territorio da Caritas Serbia e ...

newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Dona ora per i progetti Caritas
EVENTI E INIZIATIVE
27/04/2019
Corsi di formazione

ll Progetto Personalizzato a Partire dall’Ascolto

I due incontri formativi si propongono di aiutare gli operatori a confrontarsi su criticità e buone prassi

30/04/2019
Iniziative

Infocantieri 30 aprile

Se sei un giovane dai 18 ai 30 anni che vive nella diocesi di Milano e quest'estate vuoi fare un campo estivo, vieni a sentire la nostra proposta

10/05/2019
Corsi di formazione

Cause di Migrazione e Contesti di Origine dei Richiedenti Protezione I ...

Corso di formazione di 12 moduli formativi distribuiti su sei giornate per conoscere i contesti di origine dei richiedenti protezione internazionale e le cause che li spingono a migrare

15/04/2019
Convegni

Dieci anni di storie. Le sarte rom (e non) di Taivé si raccontano

Da dieci anni il Laboratorio Taivé offre alle donne percorsi formativi finalizzati a un inserimento lavorativo. Inizialmente rivolto a donne rom con bassi livelli di istruzione, se non analfabete, Taivé ha successivamente coinvolto anche donne non rom (ex carcerate, vittime di tratta e di violenza domestica, rifugiate) fino a diventare un vero e proprio laboratorio multiculturale.

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Decreto sicurezza. Un sistema di non accoglienza

Il Decreto sicurezza, al contrario di quanto promesso, produrrà una situazione di emergenza nel nostro Paese.... Leggi qui

IN EVIDENZA
Cinque per mille
5 per mille

Codice fiscale: 01704670155 - Sostieni il Rifugio Caritas per persone senza dimora in modo semplice e gratuito. Dona il tuo 5 per mille, scarica il modulo pre-c ...

Progetti in evidenza
Quaresima di fraternità 2019

I progetti proposti saranno realizzati in Bosnia Erzegovina, Kenya, Perù e Siria. Vai alla pagina dedicata, scarica i materiali disponibili che abbiamo preparat ...

Emergenze in corso
Emergenza Profughi nei Balcani

Caritas Ambrosiana grazie alla collaborazione con il network di Caritas è attiva da tempo nell’Emergenza Profughi nei Balcani

Rendicontazioni
Trasparenza

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2018 dalla pubblica ammini ...