Aggiornamenti dall'Etiopia


Arrivano aggiornamenti ancora molto preoccupanti dall’Etiopia: le aree colpite dalla recente guerra civile (2020-2022) che ha causato, secondo stime autorevoli, almeno 500.000 morti e più di 2.000.000 di sfollati interni, sono colpite da ulteriori gravi problemi di origine climatica e sanitaria.
La rete Caritas, impegnata in quei territori fin dall’inizio del conflitto, ha condiviso alcuni aggiornamenti di cui riportiamo una breve sintesi:



Situazione in Afar, Amhara e Tigray
La siccità persiste nelle regioni di Afar, Amhara e Tigray, con grave impatto sulla produzione agricola, salute del bestiame e accesso all’acqua da parte delle famiglie. L’infestazione di locuste del deserto in Afar, Amhara, Somalia e Tigray aggrava ulteriormente il rischio di insicurezza alimentare e gli sciami immaturi rappresenteranno una minaccia per raccolti e pascoli nell’Afar, Amhara e Tigray con un rischio di invadere l’Etiopia sudorientale dove avviene la riproduzione invernale. La convergenza di questi shock con epidemie di colera, malaria e morbillo sta aggravando la vulnerabilità delle comunità colpite, compresi sfollati interni (IDP) e rimpatriati. Il valore del Birr (moneta locale) continua a scendere e i prezzi dei prodotti alimentari stanno aumentando esponenzialmente.

Tigray
Il sostegno a sfollati interni e rimpatriati rimane tra le massime priorità della regione del Tigray. Condizioni di siccità diffuse ovunque, con gravi ripercussioni su bestiame e persone, e diffusa insicurezza alimentare (le persone dipendevano da aiuti alimentari prima dello stop alle distribuzioni nell’aprile 2023). Nel Tigray orientale, su 87.602 ettari piantati, 65.915 (75%) si trovano ad alto rischio di siccità. Almeno 140.757 ettari di raccolti andati male in 31 woredas (aree interne). L'infestazione da locuste è stata osservata a Tahtay Adiyabo Woreda, lasciando un numero imprecisato di famiglie a rischio di totale fallimento del raccolto.
Si registrano massicci sfollamenti e separazioni familiari: attualmente sono oltre 2 milioni le persone sfollate (1,02 milioni di sfollati interni  risiedono in 643 siti in 6 zone del Tigray e 1,26 milioni di sfollati interni sono tornati al luogo di origine in 963 villaggi accessibili in 5 zone nella regione del Tigray). Questi vivono in una situazione terribile: soffrono per mancanza di cibo, farmaci, oltre che per più frequenti episodi di violenza di genere e mancanza d’altri servizi sociali di base.
Oltre il 90% della popolazione è bisognosa di aiuti alimentari, ma la distribuzione è stata sospesa per più di 6 mesi con nessun altro programma di protezione sociale. Come risultato della guerra, sono enormi le perdite e danni ai mezzi di sussistenza produttivi come bestiame, attrezzi agricoli e sementi (fertilizzanti, servizi veterinari, attrezzi agricoli, buoi, finanziamenti).
I danni al raccolto dovuti a locuste e siccità continuano a rappresentare una grande minaccia. Almeno 132.000 ettari di terreno sono colpiti dalla siccità, in 3 zone ed in particolare in 180 villaggi. Segnalati livelli critici ed estremamente critici di malnutrizione acuta (oltre 11.000 bambini con diagnosi di malnutrizione acuta). Almeno 1.370 i morti per fame dopo la fine del conflitto.
A metà settembre 2023, quasi 458.000 persone hanno ricevuto cibo e dai suoi partner utilizzando il gasdotto Safety Net. Tuttavia, il paniere alimentare comprendeva un solo alimento (15 kg di grano).
 
Amhara
La situazione attuale nella regione di Amhara si sovrappone ai bisogni preesistenti dovuti al conflitto nel nord del paese, unito alle epidemie di colera e malaria, alla diffusa malnutrizione, al conflitto in corso nella regione, nonché all’afflusso dei rimpatriati e dei rifugiati dal Sudan.
Si prevede che la siccità in corso in 8 zone della regione di Amhara peggiorerà nel dicembre 2023. Le zone interessate includono parti di Gondar, Shewa, Wello, Wag Hamra e le zone speciali Oromo. Allarmante la crisi di malnutrizione, con risposta inadeguata sia a quella moderata che quella acuta. Le persone bisognose di aiuti alimentari nella regione sono 3,5 milioni. A causa del conflitto, la maggior parte di scuole e università non hanno potuto funzionare. Il totale degli sfollati interni nella regione è 647.250 di cui 69.023 in campi e 578.227 in comunità ospitanti. Gli sfollati interni provenienti da 4 zone della regione vengono riportati alle loro case a mani vuote: quest’anno i rimpatriati sono circa 363.745 persone, bisognosi di mezzi di sussistenza
Va sottolineato che, purtroppo, in quest’area è ancora in corso un conflitto circoscritto tra il governo federale e gruppi armati della regione che causa insicurezza e restrizioni di movimento: il ciclo agricolo ne è pesantemente influenzato.

Oromia
70.000 famiglie nella zona di West Hararge avrebbero perso il raccolto causa siccità in luglio e agosto. Negli ultimi 2 anni si sono verificati sfollamenti in Borena e Guji a causa dell'escalation. Gli scontri alla fine di agosto 2023 a Guji hanno provocato lo sfollamento di 89.096 persone in 4 woredas, che si aggiungono ai 148.459 sfollati interni (22.006 famiglie) attualmente ospitati in bisogno di assistenza umanitaria. Sono iniziate le operazioni di rimpatrio degli sfollati interni nelle zone est, ovest e Horo Guduru Wellega. 1/3 degli sfollati interni (circa 150.000) sono tornati nei luoghi di origine, ma necessitano di alloggi e generi di prima necessità. Esponenziale l’aumento dei casi di malaria (41.591 casi confermati con 7 decessi su 101.591 testati). Paradossalmente, le piogge di luglio-settembre negli altopiani orientali dell'Etiopia hanno provocato inondazioni (straripamento del fiume Fafan), la morte di bestiame e blocchi stradali, ma allo stesso tempo la regione soffre la siccità nelle zone di Afder, Libano, Dawa e Korahe. Le epidemie di malaria e colera rappresentano il principale problema nelle regioni meridionali.


Gli interventi della rete Caritas
Caritas Ambrosiana sostiene dal 2021 interventi in collaborazione con Caritas Italiana e Caritas Etiopia.
Con lo scoppio della guerra nel Tigray, Caritas Etiopia ha sin da subito attivato una serie di interventi di emergenza e una rete di coordinamento, coinvolgendo sia gli uffici diocesani sia gli organismi internazionali della rete Caritas già presenti sul territorio. Anche Caritas ha scontato le difficoltà di accesso nelle aree di conflitto, difficoltà che dopo la firma dell’accordo di pace, nel novembre 2022, si sono significativamente ridotte, ma alla sospensione del conflitto armato non è corrisposta la fine del bisogno che si è diversificato e, per alcuni aspetti, si è intensificato dopo che l’area è stata colpita da siccità, invasione di locuste ed epidemie.
 
In questi anni gli interventi realizzati si sono concentrati, soprattutto inizialmente, sulle necessità prioritarie, garantendo prodotti alimentari, acqua, prodotti per l’igiene, medicinali, articoli di base per gli alloggi e la costruzione di servizi igienici.

Gradualmente si è poi riusciti a offrire un sostegno ad interventi che guardano un po’ più al futuro e all’autonomia. In particolare si è favorita la ripresa delle coltivazioni e dell’allevamento attraverso la distribuzione di sementi, attrezzi agricoli, animali assieme ad una cifra che consentisse di effettuare i primi investimenti.

Non sono mancati anche interventi per il sostegno psicologico post-traumatico e iniziative che favorissero il dialogo e la convivenza pacifica.

Ad oggi Caritas Ambrosiana ha contribuito per un totale di 128.000 euro.



PER DONARE
 

Dona Ora per gli interventi di emergenza
in Etiopia con Carta di Credito

 


IN POSTA
C.C.P. n. 000013576228 intestato Caritas Ambrosiana Onlus - Via S. Bernardino 4 - 20122 Milano.
 
CON BONIFICO
C/C presso il Banco BPM Milano, intestato a Caritas Ambrosiana Onlus IBAN:IT82Q0503401647000000064700

CAUSALE OFFERTA: Emergenza Etiopia


Per motivi di privacy le banche non ci inviano i dati di chi fa un bonifico per sostenere i nostri progetti.

Se vuoi ricevere la ricevuta fiscale o il ringraziamento per la tua donazione contatta il nostro numero dedicato ai donatori al numero 02.40703424

IMPORTANTE
Caritas Ambrosiana non effettua raccolte di vestiti, generi alimentari, medicinali, coperte o qualsiasi altro bene in quanto non possiamo garantire il trasporto Caritas Ambrosiana raccoglie solamente offerte in denaro.
Caritas Ambrosiana invita le Caritas sul territorio della diocesi ad attenersi a questa indicazione.




Per le offerte effettuate dal 1° gennaio 2021 Caritas Ambrosiana è tenuta a comunicare all’Agenzia delle Entrate i dati delle erogazioni liberali per consentire l’inserimento delle stesse nelle dichiarazioni precompilate ai fini di detraibilità e/o deducibilità fiscale.
La scadenza per l’invio dei dati da parte di Caritas Ambrosiana è il 16 marzo 2024.
Per poter adempiere a ciò è necessario che Caritas sia in possesso dei dati fiscali di chi effettua la donazione entro la fine del 2023.
 
Comunica subito i tuoi dati quando fai una donazione così da non perdere l’occasione. 
 
Per effettuare l’opposizione alla comunicazione è possibile seguire la procedura indicata sul sito www.agenziaentrate.gov.it.

 
Per qualsiasi informazione 02.40703424
 
Le donazioni sono detraibili/deducibili fiscalmente



Percentuale donazione destinata ai progetti


newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Regali solidali
EVENTI E INIZIATIVE
13/06/2024
Convegni

20 anni di educazione al debito responsabile e di prevenzione dell’usu ...

Giovedì 13 giugno 2024 dalle ore 9:30 alle ore 12:30 - Università Cattolica del Sacro Cuore - Largo Agostino Gemelli 1 - Milano - Sala Pio XI. Iscriviti gratuitamente all'evento. Il convegno sarà dedicato ai temi del sovra indebitamento delle famiglie, delle disuguaglianze sociali ed economiche e del contrasto all’usura...

24/05/2024
Convegni

Disabilità e povertà nelle famiglie italiane

Venerdì 24 maggio alle 10.30 a Milano sarà presentata, alla presenza dell'Arcivescovo, la prima ricerca “Disabilità e povertà nelle famiglie"

20/05/2024
Convegni

Una riforma che si fa attendere

La Commissione Anziani di Caritas Ambrosiana propone uno spazio di confronto in cui fare il punto sulle politiche a favore delle persone anziane

17/05/2024
Iniziative

Fango - Storia di un'alluvione e di profonda umanità

Reading teatrale sull'alluvione in Emilia-Romagna.

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
L’europa con un’anima, fiaccola di speranza
Ma a noi, a noi Caritas, a noi cristiani, a noi operatori e volontari impegnati sugli aspri fronti della lotta alla povertà, dell’impegno per l’eguaglianza, della costruzione della pace, alla fin dei conti che c’importa dell’Europa?... Leggi qui

IN EVIDENZA
Tabella trasparenza
Trasparenza 2023

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2023 dalla pubblica ammini ...

La nostra offerta
Numero dedicato donatori
Vuoi fare del bene? Chiamaci...

02.40703424 è il nuovo numero da chiamare per sapere come fare del bene... meglio! Chiama il nostro numero dedicato ai donatori Caritas, riceverai tutte le info ...

Progetti in evidenza