Un doveroso tributo

È questo che come Caritas dobbiamo riconoscere a Benedetto XVI, Vescovo di Roma emerito. Ora che si sono placate le voci a commento della sua inaspettata e sofferta rinuncia, ora che la Chiesa ha un nuovo successore di Pietro, possiamo tentare uno sguardo retrospettivo a partire dalla nostra sensibilità, quella che trova radice nel mandato che ci è affidato sin dalla nostra nascita.
Sono almeno due i motivi per esprimere riconoscenza e gratitudine a Benedetto XVI. Uno di contenuto e uno di metodo. Dal primo punto di vista non credo di essere lontano dal vero se affermo che il tema della carità ha avuto un ruolo centrale nel suo magistero. A partire dalla prima enciclica, Deus caritas est, alla sua terza, la Caritas in veritate, scritta in concomitanza con l'esplosione della crisi del 2008, passando attraverso il discorso con cui ha celebrato i 40 anni di Caritas in Italia. Avvicinandosi alla conclusione del suo ministero ci ha poi lasciato un documento restato ignoto ai più - il Motu Proprio “Intima ecclesia naturae” - che offre a tutti i Vescovi del mondo i binari sui quali organizzare e coordinare le attività caritative nelle loro Diocesi. Per concludere con il messaggio per la Quaresima 2013 tutto centrato sul rapporto tra fede cristiana e carità laddove con geniale semplicità ci richiamava a riconoscere la "priorità della fede e il primato della carità". Già perché la fede cristiana è vuota se non si traduce in un modo nuovo di vivere le relazioni coi nostri simili, così come la carità - se non può appoggiarsi su una fede autentica - rischia di essere cieca e indeterminata: perché dovrei amare anche chi non se lo merita, fino a che punto devo esercitare l'amore, posso porre delle condizioni nel volere bene al prossimo?
Di questo altissimo magistero siamo grati e insieme responsabili nel custodirlo e farne memoria.
Ma dicevo che nei confronti di Benedetto XVI abbiamo anche un motivo di gratitudine di tipo metodologico. Il suo rimettere il mandato che otto anni orsono gli venne assegnato resterà nei secoli un gesto profetico: sia per il coraggio di infrangere una prassi secolare, sia per l'umiltà di riconoscere il proprio limite. A fronte di una Chiesa talvolta tentata di scimmiottare le potenze mondane, Benedetto XVI non si è vergognato di mostrarsi in tutta la sua fragilità dicendo che a nessuno può essere richiesto più di quanto le forze gli possono consentire, ma soprattutto affermando solennemente che il ministero del Vescovo di Roma è ben più grande della persona di chi lo esercita. In un mondo in cui le leadership tendono ad identificarsi con un singolo capo, Benedetto XVI - in linea con Giovanni il Precursore - in qualche modo ci ha ricordato che "lui deve crescere, io diminuire", che siamo comunque strumenti, che l'unico "assoluto" è il Signore Gesù e il suo piano d'amore sull'umanità. Che dobbiamo essere pronti ad assumere le responsabilità che la Provvidenza ci affida, ma che dobbiamo essere altrettanto pronti a fare un passo indietro quando le circostanze - illuminate da un saggio discernimento - ce lo dovessero suggerire. Insegnamento decisivo anche per noi operatori della carità, sempre oscillanti tra la frustrazione per l'incapacità di far fronte alle domande che ci vengono rivolte e la presunzione che senza di noi il mondo non potrebbe andare avanti. Alcuni anni fa Msg. Franco Giulio Brambilla ci ricordava che i grandi santi della carità non furono quelli che misero in piedi chissà quali opere, ma quelli che seppero, nel tempo del loro ministero, scatenare una voglia di emulazione. La loro opera era più grande di loro e a loro sopravvisse.
La Chiesa è più grande di Joseph Ratzinger. La Caritas è più grande di noi. Esercitiamo il nostro servizio immersi in questa umile consapevolezza e continuiamo la nostra preghiera per il Papa Francesco, nuovo Vescovo di Roma.
 
Don Roberto Davanzo

Disponibile per il download l'inserto "Farsi Prossimo" di aprile 2013 de "Il Segno".

La pagina dedicata agli editoriali del "Farsi Prossimo" si trova qui.

 

newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Emergenza Coronavirus - Dona ora
EVENTI E INIZIATIVE
21/04/2021
Convegni

SEGNALI DEL WELFARE CHE SARÀ

Oltre la dittatura dell'emergenza: neoassistenzialismo e generatività. 1° webinar – mercoledì 21 aprile 2021, ore 18.30 – 20.00

22/04/2021
Iniziative

Giornate di eremo - Al primo posto c’è l’amore

Giovedì 22 aprile h. 18.30 - Al primo posto c’è l’amore - I Cor 13, 1-13 a cura di don Matteo Rivolta - Responsabile Caritas Zona Pastorale di Varese. Iscriviti gratuitamente all'evento in diretta Youtube sul canale di Caritas Ambrosiana

28/04/2021
Convegni

TRA ASSISTENZA E ATTIVAZIONE: CONFRONTO TRA ESPERIENZE GENERATIVE

Oltre la dittatura dell'emergenza: neoassistenzialismo e generatività. 2° webinar – mercoledì 28 aprile 2021, ore 18.30 – 20.00

05/05/2021
Convegni

“LÌ SONO INSERITI I POVERI, CON LA LORO CULTURA, I LORO PROGETTI E LE ...

Oltre la dittatura dell'emergenza: neoassistenzialismo e generatività. 3° webinar – mercoledì 5 maggio 2021, ore 18.30 – 20.00

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Cibo, buttiamo di più mentre altri non mangiano

A causa dello smart working e più ancora delle limitazioni anti Covid che hanno colpito in modo particolare il settore, bar e ristoranti acquistano una minore quantità di cibo.

.... Leggi qui

IN EVIDENZA
Progetti in evidenza
Quaresima 2021

I progetti proposti saranno realizzati in Albania, Sud Sudan e Thailandia. Vai alla pagina dedicata e scarica i materiali disponibili per promuovere i progetti

La nostra offerta
Progetti in evidenza
Rendicontazioni
Trasparenza

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2019 dalla pubblica ammini ...