Dopo la lacrime, è l’ora di una politica lungimirante

Dopo la strage dell’isola dei Conigli a Lampedusa molti si sono messi a parlare di immigrazione, di profughi, di mercanti di schiavi, ... Scusate la brutalità, ma forse non tutti hanno il diritto di farlo. Quanti sono stati sempre alla finestra a guardare quelli che invece le maniche se le rimboccavano, che cercavano di tamponare qualche falla in un sistema di accoglienza non certo all’avanguardia, di un meccanismo di integrazione decisamente insufficiente, questi adesso dovrebbero stare un po’ zitti e imparare ad ascoltare.
Ascoltare anzitutto i racconti degli ospiti dei centri di accoglienza per capire a quale livello di disperazione si deve arrivare per decidere di lasciare tutto, indebitarsi fino al collo per affrontare viaggi cosiddetti della speranza che per molti finiscono senza neppure una pietra tombale.
Ascoltare i racconti di quanti, operatori o volontari, con questi uomini e donne e bambini hanno accettato di condividere un pezzo di vita, di professione, di competenza per scoprire che forse solo nelle favole esiste qualcuno che voglia far venire qua da noi tanti immigrati allo scopo di destabilizzare la nostra cultura, le nostre tradizioni, la nostra storia.
Mi rendo conto che di fronte ad emergenze come queste vada auspicato uno spirito di collaborazione, non di polemica. Peccato che se da vent’anni continuiamo ad essere in stato di emergenza è anche a causa di un approccio utilitaristico al fenomeno migratorio, finalizzato a tenere alta la paura della popolazione così da lucrarne vantaggi elettorali.
Adesso basta. Bisogna imparare ad ascoltare il problema per affrontarlo con lungimiranza, pragmatismo e umanità. Bisogna aiutare la gente ad interessarsi di politica internazionale dal momento che non è più pensabile ricercare il proprio benessere ignorando quanto accade nei Paesi che abbiamo accanto. È necessario che dal basso salga la domanda di una visione del mondo e delle relazioni tra gli stati che pongano le premesse perché nessuno debba più scappare dal proprio Paese alla ricerca di un domani.
Quello dell’immigrazione è proprio uno dei problemi che richiedono la logica delle “larghe intese”, uno di quei problemi che nessun Paese europeo potrà mai illudersi di affrontare in autonomia. Uno di quei problemi che richiede uno sguardo rivoluzionario rispetto all’economia, alla finanza, al mercato, alla politica, alla cooperazione tra i popoli.
Non c’è bisogno di essere cristiani per provare immensa pietà e ferma decisione perché quanto accaduto non si ripeta. Buonisti no, umani sì.

 

newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Emergenza Coronavirus - Dona ora
EVENTI E INIZIATIVE
21/04/2021
Convegni

SEGNALI DEL WELFARE CHE SARÀ

Oltre la dittatura dell'emergenza: neoassistenzialismo e generatività. 1° webinar – mercoledì 21 aprile 2021, ore 18.30 – 20.00

22/04/2021
Iniziative

Giornate di eremo - Al primo posto c’è l’amore

Giovedì 22 aprile h. 18.30 - Al primo posto c’è l’amore - I Cor 13, 1-13 a cura di don Matteo Rivolta - Responsabile Caritas Zona Pastorale di Varese. Iscriviti gratuitamente all'evento in diretta Youtube sul canale di Caritas Ambrosiana

28/04/2021
Convegni

TRA ASSISTENZA E ATTIVAZIONE: CONFRONTO TRA ESPERIENZE GENERATIVE

Oltre la dittatura dell'emergenza: neoassistenzialismo e generatività. 2° webinar – mercoledì 28 aprile 2021, ore 18.30 – 20.00

05/05/2021
Convegni

“LÌ SONO INSERITI I POVERI, CON LA LORO CULTURA, I LORO PROGETTI E LE ...

Oltre la dittatura dell'emergenza: neoassistenzialismo e generatività. 3° webinar – mercoledì 5 maggio 2021, ore 18.30 – 20.00

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Cibo, buttiamo di più mentre altri non mangiano

A causa dello smart working e più ancora delle limitazioni anti Covid che hanno colpito in modo particolare il settore, bar e ristoranti acquistano una minore quantità di cibo.

.... Leggi qui

IN EVIDENZA
Progetti in evidenza
Quaresima 2021

I progetti proposti saranno realizzati in Albania, Sud Sudan e Thailandia. Vai alla pagina dedicata e scarica i materiali disponibili per promuovere i progetti

La nostra offerta
Progetti in evidenza
Rendicontazioni
Trasparenza

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2019 dalla pubblica ammini ...