A proposito di immigrazione

Erano i primi giorni dello scorso mese di luglio quando il Consiglio Regionale della Lombardia ha bocciato una mozione finalizzata a garantire le cure mediche essenziali ai bambini stranieri, indipendentemente dal loro status giuridico, a prescindere insomma dal possesso del permesso di soggiorno dei loro genitori. Si trattava di rendere operativo un accordo firmato lo scorso dicembre 2012 dalla Conferenza Stato-Regioni - finora recepito solo da alcune di queste ed in modo più formale che effettivo - affinché non ci siano difformità di trattamento nei vari territori del nostro Paese quando si tratta di assistenza sanitaria, in particolare per i minori stranieri, regolarmente presenti o meno. L'accordo infatti prevede l'iscrizione di tutti i minori al Servizio Sanitario Regionale e l'assegnazione del pediatra di libera scelta anche ai minori con i genitori in condizioni di irregolarità giuridica.
Solo un miope pregiudizio impedisce di vedere come alla base di questo accordo ci sia ben altro che buonismo o ingenua simpatia verso il mondo dell'immigrazione. Al di là di quanto prescritto dalla Convenzione dei diritti dell'infanzia credo sia sufficiente un minimo di buon senso per intuire che garantire una assistenza pediatrica universale diventa un modo per tutelare la salute di tutta la cittadinanza e per evitare che i servizi di pronto soccorso dei nostri ospedali vengano utilizzati in modo inappropriato e inutilmente dispendioso.
Non voglio entrare nei tecnicismi dell'accordo. Voglio però parlarne all'inizio di un nuovo anno pastorale, allo scopo di stimolare nei nostri operatori e volontari una riflessione a partire da questo infelice episodio che ha visto protagonista il Consiglio Regionale della Lombardia. Il mondo dell'immigrazione in questi ultimi mesi è purtroppo tornato ad essere terreno di scontro politico ed etico. L'iniziativa di Papa Francesco a Lampedusa - lo ricordiamo - scatenò banali e sarcastiche prese di posizione. L'ammissione di autorevoli esponenti politici regionali che una certa severità nei confronti degli immigrati paghi sul piano elettorale, le esternazioni di una figura di rilievo nazionale relative ad un Ministro della Repubblica, ... dicono forse di una strategia destinata ad attrarre consensi facendo leva su umori "di pancia" che non meritano nemmeno di essere definiti sentimenti. La bocciatura iniqua - sul piano giuridico, prima ancora che su quello etico - della mozione sull'assistenza sanitaria dei minori stranieri irregolari forse vuole illudere l'opinione pubblica che sia doveroso in tempi di ristrettezze economiche, che insomma quel poco che abbiamo dobbiamo spenderlo prima per "i nostri" e semmai restasse qualche briciola si può vedere. Ma di illusione si tratta, dal momento che in ambito sanitario tutto ciò che non è speso a titolo preventivo te lo ritrovi sul conto e con pesanti interessi.
O forse la maggioranza del Consiglio Regionale della Lombardia immagina che, certo questa non è la scelta migliore - nè dal punto di vista etico, nè da quello giuridico - ma tanto poi ci sono quelli a cui piace essere buoni, le organizzazioni ecclesiali o meno che si rimboccano le maniche fornendo servizi alternativi di assistenza sanitaria e farmaceutica, da sostenere poi con dovizia di pubblicità in occasione di raccolte e collette e magari da finanziare con qualcuna delle briciole che cadono dalla ricca tavola di quell'epulone che è la sanità lombarda.
Papa Benedetto, citando sant'Agostino, così si espresse: "Uno Stato che non fosse retto secondo giustizia si ridurrebbe ad una grande banda di ladri" (DCE, 28). Alla maggioranza del Consiglio Regionale della Lombardia - specie a coloro che si riconoscono nell'insegnamento della Chiesa - vorrei ricordare che la carità va bene, ma solo dopo che si sia fatto di tutto perchè la giustizia sia onorata. Anche per i minori stranieri, figli di irregolari, bisognosi come ognuno di noi, di assistenza sanitaria e di cura.
 
Don Roberto Davanzo


leggi tutto l'inserto di "Farsi Prossimo" di Settembre de "Il Segno"


La pagina dedicata agli editoriali del "Farsi Prossimo" si trova qui.

newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Emergenza Coronavirus - Dona ora
EVENTI E INIZIATIVE
21/04/2021
Convegni

SEGNALI DEL WELFARE CHE SARÀ

Oltre la dittatura dell'emergenza: neoassistenzialismo e generatività. 1° webinar – mercoledì 21 aprile 2021, ore 18.30 – 20.00

22/04/2021
Iniziative

Giornate di eremo - Al primo posto c’è l’amore

Giovedì 22 aprile h. 18.30 - Al primo posto c’è l’amore - I Cor 13, 1-13 a cura di don Matteo Rivolta - Responsabile Caritas Zona Pastorale di Varese. Iscriviti gratuitamente all'evento in diretta Youtube sul canale di Caritas Ambrosiana

28/04/2021
Convegni

TRA ASSISTENZA E ATTIVAZIONE: CONFRONTO TRA ESPERIENZE GENERATIVE

Oltre la dittatura dell'emergenza: neoassistenzialismo e generatività. 2° webinar – mercoledì 28 aprile 2021, ore 18.30 – 20.00

05/05/2021
Convegni

“LÌ SONO INSERITI I POVERI, CON LA LORO CULTURA, I LORO PROGETTI E LE ...

Oltre la dittatura dell'emergenza: neoassistenzialismo e generatività. 3° webinar – mercoledì 5 maggio 2021, ore 18.30 – 20.00

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Cibo, buttiamo di più mentre altri non mangiano

A causa dello smart working e più ancora delle limitazioni anti Covid che hanno colpito in modo particolare il settore, bar e ristoranti acquistano una minore quantità di cibo.

.... Leggi qui

IN EVIDENZA
Progetti in evidenza
Quaresima 2021

I progetti proposti saranno realizzati in Albania, Sud Sudan e Thailandia. Vai alla pagina dedicata e scarica i materiali disponibili per promuovere i progetti

La nostra offerta
Progetti in evidenza
Rendicontazioni
Trasparenza

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2019 dalla pubblica ammini ...