Kabul: la tragedia in diretta

La fuga da Kabul ha scosso le nostre coscienze. Abbiamo visto uomini, donne e bambini scavalcare recinzioni, fili spinati, correre sulla pista dell’aeroporto. Qualcuno persino aggrapparsi, in un ultimo gesto disperato, ai carrelli degli aerei in decollo (ci hanno poi informato che due sarebbero morti precipitando al suolo). Sui volti di chi era riuscito a partire, ammassato nelle stive degli enormi C130 dell’aeronautica militare, abbiamo letto il sollievo per lo scampato pericolo e l’angoscia per un futuro incerto.

Quelle immagini hanno sollevato un’onda emotiva che non si registrava da anni. Per un attimo, dal dibattitto pubblico sono scomparse o sono state silenziate tante parole odiose che fino all’altro ieri hanno screditato chi prestava soccorso (vi ricordate i “tassisti del mare”?) e ospitalità (il business dell’accoglienza).
Viene da rallegrarsi, certo, ma anche da chiedersi come mai sia accaduto. C’è chi per capirlo ha provato a volgere lo sguardo indietro nel nostro passato.

Nei giorni della ritirata dalla capitale dell’Afghanistan, è stato notato che molti hanno condiviso sui social la celebre immagine dell’elicottero sospeso sul tetto della sede della Cia a Saigon sui cui salivano i vietnamiti che avevano lavorato con gli americani (anche se per anni abbiamo creduto che si trattasse dell’ambasciata USA e che le persone portate in salvo fossero statunitensi). 
Correva l’anno 1975. Anche allora un regime che aveva combattuto a fianco del mondo libero si era liquefatto, un Paese (il Vietnam del Sud) era caduto nelle mani di un esercito di nemici dei valori occidentali e gli Stati Uniti erano stati costretti ad un precipitoso piano di evacuazione.
Dopo l’invasione, i comunisti del Nord imposero la nazionalizzazione delle imprese e la collettivizzazione delle terre. Parecchie decine di migliaia di persone fuggirono via mare. Il dramma dei boat people, come vennero chiamati, sollecitò molti governi occidentali ad intervenire, Italia compresa, con missioni umanitarie.

È sempre difficile interpretare i sentimenti collettivi e fare paragoni con il passato. Possiamo però auguraci che la simpatia collettiva verso gli afghani duri, anche al tempo dei cinguettii in rete, almeno quanto durò quello per i vietnamiti del sud quasi 50 anni fa ed ispiri le scelte dei politici.
Ad oggi i ponti aerei, organizzati dal Ministero della difesa, hanno permesso di evacuare dal paese 5 mila persone. Dopo aver trascorso un periodo di quarantena nei Covid Hotel o nell’hub di Avezzano gestito dalla Croce Rossa e dalla Protezione civile, queste persone sono state ridistribuite nei centri di accoglienza in tutta Italia. Le Caritas, da Nord a Sud, hanno offerto appartamenti e strutture. I volontari in pieno agosto si sono prodigati per dare assistenza ai primi arrivi. Siamo pronti a fare la nostra parte in futuro affinché nella gestione di questa ennesima crisi, realismo e umanità siano tenute insieme e si dimostri che l’accoglienza dignitosa e seria è sempre possibile.

Ma forse è venuto il tempo anche per un salto di qualità. 

A settembre i vescovi europei hanno sollecitato i governi degli Stati membri della Ue ad essere solidali con il popolo asiatico. Un modo per esserlo davvero e senza retorica ci sarebbe e sarebbe alla portata dell’Europa: attivare, come chiede Caritas Italiana da tempo, forme temporanee di protezione per gli afghani già presenti nel nostro continente. Sarebbe davvero paradossale che mentre facciamo arrivare con i ponti aerei alcuni, respingiamo ai confini altri, solo perché hanno avuto il torto di scappare qualche mese prima.
 
Luciano Gualzetti


Leggi tutto l'inserto di Farsi Prossimo sul Segno di Ottobre

newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Regali solidali
EVENTI E INIZIATIVE
09/03/2024
Iniziative

Incontro con Olga Karatch, attivista per la pace e i diritti umani

Sabato 9 marzo alle ore 15.00 Caritas Ambrosiana ospita un anno dopo Olga Karatch, attivista bielorussa per la pace e i diritti umani, che il 22 febbraio 2024 ha ricevuto alla Camera dei Deputati l’assegnazione del Premio internazionale Alexander Langer 2023

16/03/2024
Convegni

La carità palestra di umanità e via di discepolato

Convegno di Zona di Varese - SABATO 16 MARZO, DALLE 9:30 ALLE 12:00 - Cripta Parrocchia SS. Pietro e Paolo - via Petracchi - Masnago

20/03/2024
Iniziative

Info Cantieri 2024

Ti aspettiamo in sede con momenti di scambio e testimonianza sulle proposte dei Cantieri della Solidarietà 2024, campi estivi in Italia e all'estero rivolti ai giovani dai 18 ai 30 anni

01/04/2024
Iniziative

Refettorio Ambrosiano: Giovani volontari cercasi

Esperienza di volontariato per giovani 18-35 anni

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 

Impressioni da un viaggio, echi da una Chiesa giovane, al femminile, povera tra i poveri
Ogni viaggio in paesi stranieri e lontani dall’Europa è sempre un’esperienza interessante, se si guarda oltre i soliti luoghi comuni della differenza di cultura e di colture, di profumi e di sapori, di saperi e di religioni... Leggi qui


IN EVIDENZA
Iniziative
La nostra offerta
Tabella trasparenza
Trasparenza 2022

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2022 dalla pubblica ammini ...

Numero dedicato donatori
Vuoi fare del bene? Chiamaci...

02.40703424 è il nuovo numero da chiamare per sapere come fare del bene... meglio! Chiama il nostro numero dedicato ai donatori Caritas, riceverai tutte le info ...