Debiti e usura. Il coronavirus li fa crescere

La legge sul sovra-indebitamento ha dato sino ad ora esiti molto modesti. A dimostrarlo sono i risultati delle fondazioni antiusura. Tra questi, anche quelli della Fondazione San Bernardino voluta ormai 16 anni fa dall’allora Arcivescovo di Milano, il cardinale Dionigi Tettamanzi, e che estende il suo raggio d’azione su tutte le dieci Diocesi lombarde. Negli ultimi due anni su 354 casi segnalati solo 20 hanno potuto avere accesso alla legge e soltanto due hanno sino ad ora ottenuto i benefici previsti. Secondo gli operatori i motivi di prove tanto deludenti vanno riscontrati in una pluralità di fattori: dai tempi lunghi delle pratiche burocratiche ai costi della procedura che quasi sempre le persone non sono in grado di sostenere, sino alla mancanza di uniformità nell’applicazione della norma da parte dei vari Tribunali.

Per queste ragioni è stata elaborata una proposta di riforma all’interno di un tavolo di lavoro promosso presso l’Università Cattolica, al quale hanno partecipato su sollecitazione della Caritas Ambrosiana, della Fondazione San Bernardino e della stessa Università, la Diocesi di Milano, istituzioni bancarie, del tribunale, associazioni professionali e di consumatori. I punti salienti della riforma sono tre.

Primo: introdurre la nozione di indebitamento dell’intero nucleo familiare, invece che individuale (assai meglio in grado di rispondere alle reali modalità con cui le crisi da sovra-indebitamento si manifestano e vanno gestite).

Secondo: prevedere la possibilità della esdebitazione del debitore incapiente, essenziale per consentire una ripartenza anche se i debiti pregressi non sono stati pagati.

Terzo: responsabilizzare maggiormente i finanziatori, che, nell’ipotesi di concessione imprudente del credito, subiscono delle limitazioni di tipo procedurale.

In questo modo la disciplina attuale poco utilizzata nei suoi otto anni di vita potrebbe diventare uno strumento utile alle famiglie in questo periodo di crisi economica durante il quale già si sono manifestate le avvisaglie di una recrudescenza del sovra-indebitamento.

In realtà la proposta non fa altro che recepire in via immediata alcune fra le più rilevanti e importanti novità introdotte dal Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza (CCI) che era destinato a entrare in vigore il prossimo 15 agosto mai poi è stato rinviato al 1° settembre del prossimo anno, 2021.

Sarebbe utile che il governo che è ricorso in questi mesi a decreti d’urgenza su svariate materie, inserisse anche questa tra le sue priorità.

Il fenomeno è grave e va affrontato con efficacia e tempestività.

Nelle scorse settimane ha fatto scalpore la notizia dei bambini e della bambine fatti lavorare in nero nel Casertano presso aziende collegate alla camorra in pegno ai prestiti usurai. Si tratta, certamente, di casi estremi, ma è fuor di dubbio che il Coronavirus ha esacerbato fragilità che già esistevano, allargando le condizioni favorevoli alla diffusione dell’usura. Come proprio la cronaca ci mostra, se lo Stato non interverrà in maniera tempestiva, lasceremo ancora più spazio alle organizzazioni criminali. Con la liquidità proveniente dai suoi traffici illeciti, la malavita si rafforzerà nei suoi territori di origine e potrà aumentare il suo potere di infiltrazione anche al di fuori di questi.

Non possiamo lasciare soli i piccoli imprenditori e le famiglie indebitate e con poche possibilità di accesso al credito legale, perché rischiano di fidarsi delle persone sbagliate che oltre a privarli delle poche risorse economiche e di credito, rubano loro la vita e la dignità.
Occorre tenere alzata la guardia. Lo aveva chiesto ai suoi parroci l’Arcivescovo di Milano Mario Delpini all’inizio del 2019 indicando la Caritas e la Fondazione san Bernardino competenti riferimenti a cui rivolgersi. Vale ancora di più oggi. In epoca post Covid.

Luciano Gualzetti

Leggi tutto l'inserto di Farsi Prossimo sul Segno di settembre 2020
newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Emergenza Coronavirus - Dona ora
EVENTI E INIZIATIVE
21/04/2021
Convegni

SEGNALI DEL WELFARE CHE SARÀ

Oltre la dittatura dell'emergenza: neoassistenzialismo e generatività. 1° webinar – mercoledì 21 aprile 2021, ore 18.30 – 20.00

22/04/2021
Iniziative

Giornate di eremo - Al primo posto c’è l’amore

Giovedì 22 aprile h. 18.30 - Al primo posto c’è l’amore - I Cor 13, 1-13 a cura di don Matteo Rivolta - Responsabile Caritas Zona Pastorale di Varese. Iscriviti gratuitamente all'evento in diretta Youtube sul canale di Caritas Ambrosiana

23/04/2021
Convegni

E chi si assume la responsabilità?

Il webinar si terrà venerdì 23 aprile 2021, dalle 20.45 in diretta streaming sul canale Youtube di Caritas Ambrosiana.

28/04/2021
Convegni

TRA ASSISTENZA E ATTIVAZIONE: CONFRONTO TRA ESPERIENZE GENERATIVE

Oltre la dittatura dell'emergenza: neoassistenzialismo e generatività. 2° webinar – mercoledì 28 aprile 2021, ore 18.30 – 20.00

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Cibo, buttiamo di più mentre altri non mangiano

A causa dello smart working e più ancora delle limitazioni anti Covid che hanno colpito in modo particolare il settore, bar e ristoranti acquistano una minore quantità di cibo.

.... Leggi qui

IN EVIDENZA
Progetti in evidenza
Quaresima 2021

I progetti proposti saranno realizzati in Albania, Sud Sudan e Thailandia. Vai alla pagina dedicata e scarica i materiali disponibili per promuovere i progetti

La nostra offerta
Progetti in evidenza
Rendicontazioni
Trasparenza

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2019 dalla pubblica ammini ...