Decreto sicurezza. Un sistema di non accoglienza

Il Decreto sicurezza, al contrario di quanto promesso, produrrà una situazione di emergenza nel nostro Paese. Per effetto del cosiddetto Decreto Salvini, convertito nella legge 132/18, i titolari di permesso per motivi umanitari e coloro che hanno ricevuto il nuovo permesso per protezione speciale non possono più essere accolti nel nuovo sistema di accoglienza (ex Sprar). In ottemperanza a questo provvedimento, diversi Prefetti in tutta Italia stanno già chiedendo agli enti gestori dei centri di allontanare i migranti che non hanno più titolo per rimanervi, pur avendo diritto a restare sul territorio italiano. Molte altre Prefetture lo faranno nei prossimi mesi.

Fuori dai centri di accoglienza i migranti saranno destinati a diventare, nella migliore delle ipotesi, manovalanza per il mercato nero. Li troveremo quest’estate nei campi del Foggiano a raccogliere pomodori, nei cantieri edili della Brianza alla mercé di padroncini e caporali. Terminati quei lavori massacranti e pagati una miseria, torneranno nei grandi centri urbani a mendicare pochi spiccioli agli angoli delle strade per poi a sera mettersi in fila davanti ad un dormitorio o una mensa Caritas.

Caritas Ambrosiana accoglie e accompagna molti di questi profughi. Stimiamo che sarebbero circa 200 quelli presenti al momento nei centri di cui abbiamo la gestione che, stando alle norme, dovremmo mettere alla porta abbandonandoli al loro destino. Obbedendo alla nostra coscienza, prima che ad una legge che riteniamo sbagliata, abbiamo deciso di non farlo. Ci ritireremo, quindi, dalle convezioni con le Prefetture e utilizzeremo quei posti per creare un sistema di accoglienza che rimarrà entro i limiti della legalità ma sarà autonomo rispetto a quello pubblico e riservato prioritariamente a chi da quel sistema sarà escluso. Proprio per sostenere questo sforzo, che anche dal punto di vista economico sarà rilevante, abbiamo costituito un fondo di solidarietà.

Come di fronte a un terremoto o un’alluvione, il Fondo di Solidarietà per gli Esclusi dall’Accoglienza sarà aperto al contribuito dei cittadini e dei fedeli delle Parrocchie che vorranno darci una mano e sottolineare così, con quel gesto concreto, la propria speranza in un’Italia migliore.

Le risorse saranno utilizzate per consentire a chi rischia di finire come un fantasma in strada senza diritti di proseguire il suo cammino verso l’integrazione.

Persone come ad esempio Marc, 28 anni, nigeriano. Marc porta ancora i segni delle torture che ha subito in Libia prima di prendere un barcone e raggiungere tre anni fa l’Italia. Le percosse gli hanno compromesso l’anca e ancora oggi cammina zoppicando. Proprio le violenze subite hanno convinto i giudici del tribunale a concedergli in appello la protezione umanitaria. Benché abbia ricevuto tale riconoscimento, subito dopo l’entrata in vigore del Decreto sicurezza, la Prefettura gli ha revocato la misura di accoglienza. Se tale revoca fosse applicata, Marc sarebbe costretto a rinunciare al tirocinio come mulettista che un’azienda gli ha proposto al termine del corso di formazione che ha seguito durante il suo soggiorno nel centro di accoglienza di Lecco.

Spezzare il sogno di questo giovane sarebbe ingiusto, prima di tutto nei suoi confronti. Ma non occorre essere particolarmente lungimiranti per non vedere che frustrare i suoi sforzi per un vita migliore sarebbe controproducente anche ai fini della nostra stessa, tanto giustamente ricercata, sicurezza.
 
Luciano Gualzetti

Leggi tutto l'inserto Farsi Prossimo sul Segno di Aprile

newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Dona ora per i progetti Caritas
EVENTI E INIZIATIVE
27/04/2019
Corsi di formazione

ll Progetto Personalizzato a Partire dall’Ascolto

I due incontri formativi si propongono di aiutare gli operatori a confrontarsi su criticità e buone prassi

30/04/2019
Iniziative

Infocantieri 30 aprile

Se sei un giovane dai 18 ai 30 anni che vive nella diocesi di Milano e quest'estate vuoi fare un campo estivo, vieni a sentire la nostra proposta

10/05/2019
Corsi di formazione

Cause di Migrazione e Contesti di Origine dei Richiedenti Protezione I ...

Corso di formazione di 12 moduli formativi distribuiti su sei giornate per conoscere i contesti di origine dei richiedenti protezione internazionale e le cause che li spingono a migrare

15/04/2019
Convegni

Dieci anni di storie. Le sarte rom (e non) di Taivé si raccontano

Da dieci anni il Laboratorio Taivé offre alle donne percorsi formativi finalizzati a un inserimento lavorativo. Inizialmente rivolto a donne rom con bassi livelli di istruzione, se non analfabete, Taivé ha successivamente coinvolto anche donne non rom (ex carcerate, vittime di tratta e di violenza domestica, rifugiate) fino a diventare un vero e proprio laboratorio multiculturale.

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Decreto sicurezza. Un sistema di non accoglienza

Il Decreto sicurezza, al contrario di quanto promesso, produrrà una situazione di emergenza nel nostro Paese.... Leggi qui

IN EVIDENZA
Cinque per mille
5 per mille

Codice fiscale: 01704670155 - Sostieni il Rifugio Caritas per persone senza dimora in modo semplice e gratuito. Dona il tuo 5 per mille, scarica il modulo pre-c ...

Progetti in evidenza
Quaresima di fraternità 2019

I progetti proposti saranno realizzati in Bosnia Erzegovina, Kenya, Perù e Siria. Vai alla pagina dedicata, scarica i materiali disponibili che abbiamo preparat ...

Emergenze in corso
Emergenza Profughi nei Balcani

Caritas Ambrosiana grazie alla collaborazione con il network di Caritas è attiva da tempo nell’Emergenza Profughi nei Balcani

Rendicontazioni
Trasparenza

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2018 dalla pubblica ammini ...