Parrocchie in “uscita”: quale contributo da Caritas?

A noi operatori di Caritas la parrocchia, la sua vocazione, la sua organizzazione, la sua trasformazione, ... stanno a cuore. Caritas non sarebbe più se stessa se per caso, per magia, d’improvviso le parrocchie sparissero, se mancasse questo radicamento territoriale della Chiesa, che significa questo profondo e stretto legame con la gente, là dove la gente abita. Certo, la gente non “abita” soltanto: la sua vita è fatta di lavoro, svago, cure mediche, turismo, studio, acquisti. Ma è la casa, la “home” come dicono gli inglesi, il focolare domestico, a dare unità alla molteplicità dei momenti del vivere. Per questo non potremmo mai fare a meno della parrocchia.
Eppure, non ci sono dubbi rispetto alle fragilità della parrocchia di oggi, specie di quella cittadina. Papa Francesco lo scrive nella Evangelii gaudium: “dobbiamo riconoscere che l’appello alla revisione e al rinnovamento delle parrocchie non ha ancora dato sufficienti frutti perchè siano ancora più vicine alla gente, e siano ambiti di comunione viva e di partecipazione, e si orientino completamente verso la missione” (n. 28). Malgrado siano nate per offrire il vangelo a tutti, non è infrequente la percezione che le parrocchie finiscano per essere, di fatto, riservate ad alcuni. Insomma, che cosa può significare il reiterato invito di papa Francesco per una Chiesa in uscita? In questi ultimi anni si è anche diffuso il vocabolario del ‘sagrato’ o della ‘soglia’ per parlare dello slancio oltre le mura parrocchiali. Ma resta comunque difficile inventare le parrocchie di domani. Il problema non è costituito da quelli che vengono ancora nelle nostre parrocchie, ma da tutti quelli che non ci vengono. Non facendo che rispondere ai bisogni religiosi di alcuni, le nostre parrocchie ignorano o trascurano di fatto la sete spirituale della maggioranza.
In tutto questo, che cosa centra una realtà come Caritas? E dunque: che contributo una Caritas può offrire nella delineazione di un nuovo volto da dare alle nostre parrocchie?
Possiamo iniziare col ricordare che una Caritas incontra persone che normalmente le nostre parrocchie non intercettano: ad esempio poveri e stranieri di altre religioni. Insomma, talvolta è solo grazie a Caritas che una parrocchia assume il volto di una realtà “cattolica”, universalmente aperta ad ogni persona che abita un certo territorio.
Certo, a queste persone non viene fatta una proposta di tipo liturgico-catechetico – che in molti casi non potrebbero accogliere trattandosi di appartenenti a culture e religioni diverse dalla nostra - ma non per questo vanno ignorati i loro bisogni religiosi. Su questo fronte come Caritas dobbiamo meglio attrezzarci: quanto ci preoccupiamo, nella nostra relazione di ascolto, di offrire anche un ‘pane’ diverso, un ‘pane’ in grado di sfamare quel bisogno di senso che alberga nel cuore di ogni uomo e che nessuna borsa della spesa o nessuna bolletta della luce riesce a soddisfare?
I sociologi ci spiegano che la società attuale si caratterizza per il primato delle relazioni, della comunicazione, a dispetto della dimensione istituzionale, e che questo vale anche in ambito religioso. Per questo mi piacerebbe che l’immagine che le nostre Caritas parrocchiali offrono agli altri cristiani possa essere caratterizzata da questa dimensione relazionale, prima che prestazionistica. Se la parrocchia “tradizionale” finisce per essere vista come una erogatrice di certificati e di sacramenti, la significativa presenza di una Caritas adulta potrebbe offrire questa immagine meno formale, ma forse più rispondente ai veri bisogni delle persone.
Lo capite bene: qui non si tratta di scegliere una o l’altra immagine di parrocchia, ma di sapere saggiamente integrare le due “offerte”. Insieme, di saper riconoscere che nella sua operatività una Caritas in parrocchia diventa strumento indispensabile per permetterle di uscire verso quelle periferie esistenziali che senza di lei rischierebbero di restare non abitate.
 
Don Roberto Davanzo
newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Emergenza Coronavirus - Dona ora
EVENTI E INIZIATIVE
21/04/2021
Convegni

SEGNALI DEL WELFARE CHE SARÀ

Oltre la dittatura dell'emergenza: neoassistenzialismo e generatività. 1° webinar – mercoledì 21 aprile 2021, ore 18.30 – 20.00

22/04/2021
Iniziative

Giornate di eremo - Al primo posto c’è l’amore

Giovedì 22 aprile h. 18.30 - Al primo posto c’è l’amore - I Cor 13, 1-13 a cura di don Matteo Rivolta - Responsabile Caritas Zona Pastorale di Varese. Iscriviti gratuitamente all'evento in diretta Youtube sul canale di Caritas Ambrosiana

28/04/2021
Convegni

TRA ASSISTENZA E ATTIVAZIONE: CONFRONTO TRA ESPERIENZE GENERATIVE

Oltre la dittatura dell'emergenza: neoassistenzialismo e generatività. 2° webinar – mercoledì 28 aprile 2021, ore 18.30 – 20.00

05/05/2021
Convegni

“LÌ SONO INSERITI I POVERI, CON LA LORO CULTURA, I LORO PROGETTI E LE ...

Oltre la dittatura dell'emergenza: neoassistenzialismo e generatività. 3° webinar – mercoledì 5 maggio 2021, ore 18.30 – 20.00

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Cibo, buttiamo di più mentre altri non mangiano

A causa dello smart working e più ancora delle limitazioni anti Covid che hanno colpito in modo particolare il settore, bar e ristoranti acquistano una minore quantità di cibo.

.... Leggi qui

IN EVIDENZA
Progetti in evidenza
Quaresima 2021

I progetti proposti saranno realizzati in Albania, Sud Sudan e Thailandia. Vai alla pagina dedicata e scarica i materiali disponibili per promuovere i progetti

La nostra offerta
Progetti in evidenza
Rendicontazioni
Trasparenza

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2019 dalla pubblica ammini ...