Gioco d'azzardo, niente fondi per le cure

Mentre aumentano i consumi del gioco d’azzardo, e i guadagni per i concessionari, non si trovano i fondi per riparare ai danni collaterali prodotti da un sistema ormai fuori controllo. Ad affermarlo è Luciano Gualzetti, vicedirettore di Caritas Ambrosiana e presidente della Fondazione San Bernardino, che aderisce con le altre fondazioni regionali di matrice cattolica al Cartello nazionale “Insieme Contro l’Azzardo”. Sotto accusa il Decreto Balduzzi approvato dal consiglio dei ministri il 5 settembre.

«Con il Decreto Balduzzi il governo per la prima volta riconosce che con il gioco d’azzardo ci si può ammalare. Dispiace però constatare che non siano anche stati stanziati i fondi per le cure» commenta Gualzetti. Il decreto legge, presentato dal ministro della sanità Renato Balduzzi, ha inserito il gioco d’azzardo patologico nei Lea, i livelli essenziali di assistenza. Questo passaggio obbliga il sistema sanitario nazionale a farsi carico anche di queste patologie. Il provvedimento, tuttavia, non prevede alcuna copertura finanziaria.

«Secondo le stime, i giocatori d’azzardo patologico in Italia sarebbero 700 mila, vale a dire il doppio degli alcolisti e dei tossicodipendenti in carico ai servizi – osserva Gualzetti – Senza un riconoscimento ufficiale, gli interventi sono stati finora pochi, sporadici, discontinui. Le sole cure assicurate dalle aziende sanitarie pubbliche sono dipese in gran parte della buona volontà e dalla sensibilità di qualche direttore dei Servizi territoriali per le tossicodipendenze. Tutto il resto – ed è molto – lo si deve alla fantasia e alla creatività del mondo non profit e a qualche intervento degli enti locali. Ora senza risorse adeguate questo stato di cose è destinato a perdurare, nonostante il pur importante riconoscimento degli effetti patologici del gioco d’azzardo».

«Considerato che alla fine del 2012 gli italiani spenderanno la cifra record di 100 miliardi di euro, 20 in più rispetto all’anno precedente, è paradossale – rimarca Gualzetti – che non si sia riusciti a distrarre nemmeno un euro dai lauti guadagni dei concessionari per riparare ai danni collaterali del gioco d’azzardo».

Deludenti anche gli altri aspetti del decreto. «Cedendo alle forti pressioni delle aziende concessionarie, il governo ha fatto dietrofront e alla fine non è riuscito a porre nessun reale vincolo per regolamentare l’esplosione del gioco d’azzardo. Alla fine sono saltate perfino le distanze minime dai luoghi sensibili, scuole e chiese, alle quali si sarebbero dovute attenere almeno le nuove sale scommesse. Ci si è, invece, accontentati di qualche limite sulla pubblicità. Ma si sarebbe potuto e dovuto fare di più anche sul fronte della prevenzione, tenendo conto che i giocatori sono in gran parte soggetti già socialmente deboli e dunque più indifesi», conclude Gualzetti.

Leggi anche inchiesta in "Approfondimenti"

newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Regali solidali
EVENTI E INIZIATIVE
10/09/2022
Convegni

Convegno Diocesano Caritas Decanali 2022

Sabato 10 settembre dalle ore 9.00 alle ore 13.00 in diretta streaming sul canale Youtube di Caritas Ambrosiana e in presenza (posti limitati su invito) presso la sede della Caritas Ambrosiana, Via S. Bernardino 4. “La via del Vangelo è la pace. Pregare per la pace: relazioni giuste e alleanze di pace.”...

21/07/2022
Iniziative

Il menù della poesia - Refettorio Ambrosiano

Nell’ambito di «Milano è viva nei quartieri», il Teatro dell’Elfo presenta «Il menù della poesia»: nella mensa solidale di piazza Greco cene con spettacolo il 21 luglio, il 7 e il 22 settembre...

05/07/2022
Convegni

Il valore della cura

5 luglio • ore 9.30-13.00 presso la sede diCaritas Ambrosiana via san Bernardino 4, Milano e in diretta streaming sul canale Youtube di Caritas Ambrosiana. Carenza di educatori e di altre figure professionali: proposte per affrontare un’emergenza nazionale che incide su persone, famiglie, servizi e comunità locali...

05/07/2022
Iniziative

Mai più stragi

5 luglio, ore 19, piazza Duca d’Aosta (davanti Stazione Centrale), Milano. Mai più stragi, mai più soli: scendiamo in piazza come scorta civica. In piazza, insieme, perché nessuno sia più solo: martedì 5 luglio alle ore 19 davanti alla Stazione Centrale di Milano manifesteremo a sostegno del procuratore Nicola Gratteri e di tutti i cittadini che rischiano la vita contro le mafie...

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Giovani fragili apritevi al mondo

Sono usciti dalla stagione pandemica marchiati da segni profondi. Anche se invisibili. Il virus ha fatto, tra le loro fila, molte meno vittime “fisiche” che tra i membri delle altre classi d’età. ...... Leggi qui


IN EVIDENZA
Progetti in evidenza
Regali solidali - Le prime consegne

Grazie alla generosità dei nostri sostenitori abbiamo iniziato la distribuzione di kit scolastici per i bambini ucraini ospitati presso il centro di Balti in Mo ...

Notizie
Tabella trasparenza
Trasparenza 2021

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2021 dalla pubblica ammini ...

La nostra offerta