I servizi di strada rivolti alle persone vittime di tratta per prostituzione

Sul territorio di Milano è attiva una rete di Unità Mobili che contatta le persone che si prostituiscono nelle strade e negli appartamenti della città, offrendo informazioni, orientamento, ma soprattutto ascolto e un sostegno mirato.
La rete delle Unità Mobili (U.M.) della città di Milano è composta da:

  • Unità Mobile Avenida (Caritas Ambrosiana e Farsi Prossimo Onlus s.c.s)

  • Unità Mobile Cabiria (Ass. Naga)

  • Unità Mobile Segnavia (Fondazione Somaschi Onlus)

  • Unità Mobile Via del Campo (Ass. A.L.A. Milano Onlus)                                              

  • Unità Mobile Altre Strade (Associazione CeAS, non più attiva dal 2012)

 
Fin dagli anni ’90, le U.M. praticano un intervento sociale di bassa soglia e riduzione del danno contattando tutte le persone (donne, uomini e trans) che si prostituiscono sul territorio di Milano e offrendo loro una molteplicità di servizi.
 
Dal 2004 questi enti hanno costituito il “Tavolo Cittadino delle Unità Mobili Tratta e Prostituzione”, che rappresenta un luogo di confronto, scambio e riflessione sul fenomeno della prostituzione e della sua evoluzione.
 
Benché la realtà delle organizzazioni sia estremamente eterogenea per target raggiunto (prostituzione femminile, transessuale e maschile), per tipologia di prostituzione (strada e/o appartamenti), per finalità (chi maggiormente orientato alla fuoriuscita dalla tratta, chi alla prevenzione sanitaria e all’inclusione sociale), per personale coinvolto (operatori sociali e/o volontari), tutte hanno il primario obiettivo di fornire ascolto e sostegno diretto alle persone che si prostituiscono.
Il fenomeno della prostituzione, in Italia e a Milano, negli ultimi anni, è aumentato notevolmente ed ha subito una serie di rapide trasformazioni.
 
Nel biennio 2012-2013 la U.M. hanno contattato 1337 persone che si prostituiscono nella città di Milano. La maggior parte di loro è straniera ed esercita la prostituzione prevalentemente di notte, in strada, spesso in condizioni di grave sfruttamento.
 
La situazione di precarietà, l’alto tasso di marginalità, la situazione sanitaria (rischio di contrarre infezioni sessualmente trasmissibili e, per le persone transessuali, terapie ormonali fai-da-te, somministrazione di silicone liquido…), l’abuso di sostanze (in particolare alcool e cocaina), il ricorso all’usura, la condizione di clandestinità, lo sfruttamento, la forte discriminazione sociale…sono alcuni degli aspetti di un’unica problematica.
Il lavoro delle Unità Mobili ha dovuto così definire negli anni nuove strategie e metodologie d’intervento che hanno provato a dare risposte a bisogni diversi e sempre più complessi. Negli anni le Unità Mobili hanno intercettato il fenomeno anche in luoghi dove la prostituzione è più nascosta ed invisibile (negli appartamenti), hanno sperimentato servizi e metodologie nuove, rivolgendosi anche alle comunità di appartenenza delle persone contattate e hanno costruito una fitta rete di collaborazione con i servizi del territorio. 
Emerge dunque l’intensità delle problematiche connesse al fenomeno della prostituzione, sia da un punto di vista strettamente sociale (che include il bisogno socio-relazionale, psicologico e di tutela giuridico- legale), sia da un punto di vista socio-sanitario (prevenzione, tutela della salute psico-fisica, uso delle sostanze).
 
I dati raccolti dalle U.M. rendono evidente l’inadeguatezza della proposte di legge finalizzate a modificare la Legge Merlin, che non tengono conto di una realtà fatta di sfruttamento, violenza e marginalità, e dell’intreccio della prostituzione con la criminalità organizzata.
 
Documenti del Tavolo Cittadino delle Unità Mobili Tratta e Prostituzione di Milano
Pagina di Avvenire dedicata al documento

newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Emergenza Coronavirus - Dona ora
EVENTI E INIZIATIVE
03/11/2020
Convegni

Percorso Formativo on line sui Temi dell’Accoglienza in Famiglia

Lo sportello Anania propone un percorso formativo sui temi dell’accoglienza in famiglia nelle sue molteplici forme.Il percorso prevede tre serate in cui verranno affrontati i temi dell’affido e dell’adozione, cercando di dare spunti di riflessioni in merito ad alcune domande più significative.

07/11/2020
Convegni

Convegno Diocesano Caritas

Sabato 7 novembre 2020 - ore 10.00 Diretta streaming sul canale Youtube di Caritas Ambrosiana

08/11/2020
Iniziative

Giornata diocesana Caritas

Giornata Mondiale dei Poveri Domenica 8 novembre 2020 “PER NON TORNARE INDIETRO, NESSUNO SIA LASCIATO INDIETRO”

28/10/2020
Convegni

Per non tornare indietro … nessuno sia lasciato indietro

Fratelli tutti: nessuno sia lasciato indietro - Mercoledì 28 Ottobre - Ore 18.30 - Diretta Youtube e Facebook canali Caritas Ambrosiana

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Emergenza casa. Sfrattati dal coronavirus

Sempre più inesorabilmente la pandemia ci sta costringendo a vedere quei nodi della nostra vita sociale che per ignavia abbiamo per troppi anni ignorato.

.... Leggi qui

IN EVIDENZA
Anziani
La nostra offerta
Progetti in evidenza
Rendicontazioni
Trasparenza

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2019 dalla pubblica ammini ...