Minori stranieri non accompagnati, come accoglierli

A fine aprile, in Italia, se ne contavano poco più di 20.600, per l’86% maschi, per il 44% prossimi alla maggiore età, provenienti per il 22,8% dall’Ucraina, ma ancor più, per il 24,6%, dall’Egitto (seguono, dal 9% in giù, Tunisia, Albania, Guinea, Costa d’Avorio e altri Paesi), ospitati in prevalenza in una regione di sbarchi, la Sicilia (21,6%), seguita però dalla Lombardia (13,4% delle presenze complessive). A Milano, per dire, tre mesi fa in carico al Comune se ne contavano 1.225, quasi per la metà egiziani.

Storie di vulnerabilità
Sono numeri importanti, ma non travolgenti, quelli relativi ai cosiddetti Msna. I Minori stranieri non accompagnati sono, tecnicamente, under 18 giunti in Italia (e oggi presenti nel territorio nazionale) privi dei genitori o di altri adulti legalmente responsabili della loro assistenza o rappresentanza.

Numeri importanti, si diceva, benché nulla autorizzi l’associazione con la sindrome da invasione che troppo spesso inquina il discorso pubblico sui flussi migratori. Importanti però, perché non è banale occuparsi nel miglior modo possibile – sia in termini di organizzazione dell’accoglienza, sia in termini di prospettive educative – di oltre 20 mila ragazzi che, insieme a un indubbio carico di energia e intraprendenza, portano con sé vissuti complessi e talora drammatici, storie di vulnerabilità che risalgono alla prima infanzia, vicende di sopraffazione subite nel corso di traversate avventurose, legami non sempre limpidi con i contesti di origine.

In famiglia è meglio
Oggi i Minori stranieri non accompagnati presenti in Italia vivono, nell’88,7% dei casi, all’interno di strutture di accoglienza comunitarie. Razionalità non solo economica, ma anzitutto educativa vorrebbe che si incentivasse maggiormente il ricorso all’accoglienza in famiglia. La quale potrebbe costituire un’opportunità per coloro che, dopo un periodo di osservazione e valutazione in comunità, manifestano caratteristiche di personalità compatibili e il desiderio di intraprendere un percorso in un contesto non collettivo. L’esperienza in famiglia potrebbe aiutare a focalizzare il percorso sui dettagli e sugli stati d’animo di cui è intessuta la quotidianità, rafforzerebbe l’accompagnamento verso l’autonomia attraverso la costruzione di relazioni privilegiate e significative, comporterebbe una maggiore integrazione nel contesto sociale e culturale.

Il percorso dell’affido
La strada maestra verso l’accoglienza in famiglia, anche per i Msna, è costituita dall’affido. Pratica che potrebbe consentire a tanti minori di condurre il proprio percorso di crescita in contesti più favorevoli, nella delicata fase del passaggio alla maggiore età, mentre alle famiglie offre la possibilità di un’esperienza di relazione educativa impegnativa, ma di sicuro arricchente. Di tale pratica, in relazione alla realtà dei minori non accompagnati, si occupa un sito specifico predisposto da Caritas Ambrosiana (https://noisiamo.caritasambrosiana.it/affido/): esso contiene informazioni utili, domande e risposte, testimonianze e contatti per aiutare a capire meglio cosa significa far entrare il mondo in casa, aprendo la porta a un minore straniero non accompagnato.

Un’avventura di cui, certo, non vanno sottovalutati i rischi. Ma nemmeno lo straordinario potenziale di vita che può dispiegare.
newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Regali solidali
EVENTI E INIZIATIVE
29/05/2024
Iniziative

Cattive e imprigionate. Donne rom tra detenzione, riscatto e rappresen ...

Chi sono le donne rom in carcere? Generalmente vengono rappresentate come autrici di reati predatori, che utilizzano le gravidanze in modo strumentale. La conoscenza di alcune di queste donne e della loro esperienza ci presenta una realtà dove molte di loro si sforzano di elaborare la propria storia personale e le vicende familiari che le hanno portate a delinquere. In questo modo il loro percorso carcerario può diventare un luogo di effettiva emancipazione.

13/06/2024
Convegni

20 anni di educazione al debito responsabile e di prevenzione dell’usu ...

Giovedì 13 giugno 2024 dalle ore 9:30 alle ore 12:30 - Università Cattolica del Sacro Cuore - Largo Agostino Gemelli 1 - Milano - Sala Pio XI. Iscriviti gratuitamente all'evento. Il convegno sarà dedicato ai temi del sovra indebitamento delle famiglie, delle disuguaglianze sociali ed economiche e del contrasto all’usura...

24/05/2024
Convegni

Disabilità e povertà nelle famiglie italiane

Venerdì 24 maggio alle 10.30 a Milano sarà presentata, alla presenza dell'Arcivescovo, la prima ricerca “Disabilità e povertà nelle famiglie"

20/05/2024
Convegni

Una riforma che si fa attendere

La Commissione Anziani di Caritas Ambrosiana propone uno spazio di confronto in cui fare il punto sulle politiche a favore delle persone anziane

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Il pesce e la canna da pesca. Il lavoro è il vero aiuto
È l’antica, eterna storia del pesce e della canna da pesca. C’è un tempo per tendere la mano a chi è caduto, e c’è un tempo per camminare insieme a chi si è rialzato... Leggi qui

IN EVIDENZA
Tabella trasparenza
Trasparenza 2023

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2023 dalla pubblica ammini ...

La nostra offerta
Numero dedicato donatori
Vuoi fare del bene? Chiamaci...

02.40703424 è il nuovo numero da chiamare per sapere come fare del bene... meglio! Chiama il nostro numero dedicato ai donatori Caritas, riceverai tutte le info ...

Progetti in evidenza