Turchia e Siria, un anno dopo

Esattamente un anno fa, quasi all’alba del 6 febbraio, un devastante terremoto sconvolse la Turchia centro-meridionale e la Siria settentrionale, causando oltre 57 mila morti. Le conseguenze umanitarie apparvero subito catastrofiche (più di 122 mila feriti, quasi 4,5 milioni di sfollati e quasi 18 milioni di persone interessate dagli effetti delle scosse, più di 240 mila edifici danneggiati o distrutti) e molto serie sono rimaste nei mesi successivi e permangono oggi, nonostante l’impegno delle istituzioni dei due paesi e di molteplici soggetti della comunità internazionale, istituzionali e non governativi, a favore della popolazione vittima del sisma.
 
La rete Caritas, immediatamente mobilitata, ha intensificato la sua azione nel corso del 2023, e la proseguirà per anni, tramite progetti di assistenza, ricostruzione, riattivazione delle reti comunitarie e sociali. Caritas Italiana, che ha raccolto circa 13 milioni di euro e ne ha già impiegati 3,5 milioni, ha coordinato l’azione delle diocesi italiane all’interno del network internazionale. Anche Caritas Ambrosiana ha fatto la sua parte, avendo già destinato agli interventi 915 mila euro: queste risorse, in parte già utilizzate, supporteranno una progettazione pluriennale, da sviluppare grazie allo stretto rapporto con le Caritas nazionali dei due paesi terremotati.
 
Caritas Italiana e Ambrosiana, anche in virtù dei rapporti maturati nei durissimi anni della guerra civile, hanno orientato la propria operatività e la destinazione delle risorse soprattutto verso la Siria. Paese al quale, in particolare alle città e ai territori di Lattakia e Aleppo, Caritas Ambrosiana ha riservato 555 mila euro (dei 915 mila già destinati), mentre 360 mila sono stati e saranno allocati in Turchia (in particolare nella devastata provincia di Hatay, ma anche a Mersin, Izmir e Istanbul, per aiuti agli sfollati). Con queste risorse, sono stati erogati kit di emergenza (alimentari, prodotti igienici, indumenti, coperte), distribuiti voucher per l’acquisto di beni e servizi, installati container, migliorate le condizioni igieniche di campi e strutture d’accoglienza, distribuito materiale scolastico, organizzati assistenza medica e supporto psicosociale.
 
Nei prossimi mesi, oltre a proseguire queste azioni, si punta (Scarica il Report in formato PDF) a sviluppare interventi sui fronti del lavoro e delle attività economiche (formazione professionale e tirocini, fondi per riavviare le attività soprattutto di negozianti, fondi per periodi di disoccupazione), a ricostruire scuole e ad aprire centri di aggregazione per minori e giovani.
 
«La tragedia è stata di tali dimensioniricapitola Luciano Gualzetti, direttore di Caritas Ambrosiana che non poteva lasciarci inerti. La vicinanza alle popolazioni turca e soprattutto siriana, e non solo alle minoranze cristiane dei due paesi, è stata convinta, partecipe, tangibile. E lo sarà per mesi e anni: tipico dell’azione Caritas, in occasione di grandi crisi umanitarie, è l’impegno di lungo periodo. È doveroso lenire le ferite più acute e immediate, ma è ancora più importante accompagnare, senza paternalismi, il lungo e faticoso cammino di ritessitura di comunità, relazioni, sistemi educativi, sanitari, economico-produttivi. Noi continueremo a stare a fianco dei fratelli di Turchia e Siria, e per farlo continuiamo a chiedere il supporto dei donatori ambrosiani, che ringraziamo per la loro preziosa generosità».
 
 
Per sostenere la raccolta fondi di Caritas Ambrosiana
 
IN POSTA C.C.P. n. 000013576228 intestato Caritas Ambrosiana Onlus - Via S. Bernardino 4 - 20122 Milano
CON BONIFICO C/C presso il Banco BPM Milano, intestato a Caritas Ambrosiana Onlus IBAN:IT82Q0503401647000000064700
Causale: Terremoto Turchia-Siria / Le offerte sono detraibili fiscalmente


Per motivi di privacy le banche non ci inviano i dati di chi fa un bonifico per sostenere i nostri progetti.

Se vuoi ricevere la ricevuta fiscale o il ringraziamento per la tua donazione contatta il nostro numero dedicato ai donatori al numero 02.40703424

IMPORTANTE
Caritas Ambrosiana non effettua raccolte di vestiti, generi alimentari, medicinali, coperte o qualsiasi altro bene in quanto non possiamo garantire il trasporto Caritas Ambrosiana raccoglie solamente offerte in denaro.
Caritas Ambrosiana invita le Caritas sul territorio della diocesi ad attenersi a questa indicazione.




Per le offerte effettuate dal 1° gennaio 2021 Caritas Ambrosiana è tenuta a comunicare all’Agenzia delle Entrate i dati delle erogazioni liberali per consentire l’inserimento delle stesse nelle dichiarazioni precompilate ai fini di detraibilità e/o deducibilità fiscale.
La scadenza per l’invio dei dati da parte di Caritas Ambrosiana è il 16 marzo 2024.
Per poter adempiere a ciò è necessario che Caritas sia in possesso dei dati fiscali di chi effettua la donazione entro la fine del 2023.
 
Comunica subito i tuoi dati quando fai una donazione così da non perdere l’occasione. 
 
Per effettuare l’opposizione alla comunicazione è possibile seguire la procedura indicata sul sito www.agenziaentrate.gov.it.

Per qualsiasi informazione 02.40703424
 

Le donazioni sono detraibili/deducibili fiscalmente



Percentuale donazione destinata ai progetti
 
newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Regali solidali
EVENTI E INIZIATIVE
09/03/2024
Iniziative

Incontro con Olga Karatch, attivista per la pace e i diritti umani

Sabato 9 marzo alle ore 15.00 Caritas Ambrosiana ospita un anno dopo Olga Karatch, attivista bielorussa per la pace e i diritti umani, che il 22 febbraio 2024 ha ricevuto alla Camera dei Deputati l’assegnazione del Premio internazionale Alexander Langer 2023

16/03/2024
Convegni

La carità palestra di umanità e via di discepolato

Convegno di Zona di Varese - SABATO 16 MARZO, DALLE 9:30 ALLE 12:00 - Cripta Parrocchia SS. Pietro e Paolo - via Petracchi - Masnago

20/03/2024
Iniziative

Info Cantieri 2024

Ti aspettiamo in sede con momenti di scambio e testimonianza sulle proposte dei Cantieri della Solidarietà 2024, campi estivi in Italia e all'estero rivolti ai giovani dai 18 ai 30 anni

01/04/2024
Iniziative

Refettorio Ambrosiano: Giovani volontari cercasi

Esperienza di volontariato per giovani 18-35 anni

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Il coraggio di Olga, la pace è compito di tutti
Nei primi giorni di marzo conosceremo Olga. Proveniente dalla Bielorussia, Olga Karatch è una giovane donna, pacifista convinta, difensora dei diritti umani... Leggi qui

IN EVIDENZA
Iniziative
La nostra offerta
Tabella trasparenza
Trasparenza 2022

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2022 dalla pubblica ammini ...

Numero dedicato donatori
Vuoi fare del bene? Chiamaci...

02.40703424 è il nuovo numero da chiamare per sapere come fare del bene... meglio! Chiama il nostro numero dedicato ai donatori Caritas, riceverai tutte le info ...