Tsunami Indonesia

“Il mio pensiero va, in questo momento, alle popolazioni dell’Indonesia, colpite da violente calamità naturali, che hanno causato gravi perdite in vite umane, numerosi dispersi e senzatetto e ingenti danni materiali”. Al termine della preghiera dell’Angelus il Papa ha rivolto la sua attenzione alle vittime del violento Tsunami che ha devastato le coste dell’Indonesia attorno allo stretto di Sonda, tra le grandi isole di Giava e Sumatra, provocando oltre 220 morti, più di 800 feriti e una trentina di dispersi.

Papa Francesco ha quindi invitato tutti ad unirsi nella preghiera per le vittime e i loro cari e si è detto “spiritualmente vicino agli sfollati e a tutte le persone provate, implorando da Dio sollievo nella loro sofferenza”. “Faccio appello - ha detto ancora - perché non manchi a questi fratelli e sorelle la nostra solidarietà e il sostegno della Comunità Internazionale”.
 
Da Caritas Indonesia un appello alla solidarietà.
Maggiori informazioni giungono dall’Indonesia dopo lo Tsunami che il 22 dicembre ha colpito la zona intorno allo stretto di Sunda tra le isola di Giava e Sumatra, provocato dal rafforzamento dell’eruzione del vulcano Anak Krakatoa. Il vulcano continua comunque le sue forti eruzioni, creando paura nelle zone già devastate. Lo tsunami ha colpito la zona di Anyer sull’isola di Giava dove opera la diocesi di Bogor e la zona di Lampung sull’isola di Sumatra dove opera la diocesi di Tanjung Karang.

Il bilancio delle vittime e dei danni continua a salire di ora in ora. Caritas Indonesia e la rete indonesiana delle Caritas sono al lavoro.

“È vero, come di è detto in queste ore, che la logistica in queste 2 zone è abbastanza buona, ma in questa fase di emergenza non è facile comunicare con le Caritas locali. La Caritas di Tanjung Karang a Sumatra – dice Yohannes Baskoro, responsabile dell’attività di Caritas Indonesia – sta già distribuendo cibo ai sopravvissuti: sono già in distribuzione grazie ai volontari 700 pacchi, ci cui 500 nella zona dell’ospedale della città di Lampung e 200 nel distretto di Kalianda. Il giorno di Natale altri mille pacchi di cibo saranno distribuiti”.

Nell’isola di Giava sono già sul campo i volontari della diocesi di Jakarta con un veicolo partito dalla capitale. La diocesi di Bogor ha fatto incontri di coordinamento nelle parrocchie di Rangkas Bitung, dove è già cominciata la distribuzione di cibo in coordinamento con le suore francescane, e a Serang, dove a Natale verranno distribuiti i primi aiuti. Su tutta l’area colpita stanno raccogliendo dati e sono pronti a portare generi di prima necessità. “Da Caritas Indonesia – aggiunge Baskoro - stiamo preparando un team di aiuto e coordiniamo l’invio dei volontari Caritas dalle altre zone”.
“In questi mesi abbiamo avuto già molte emergenze qui in Indonesia – sottolinea padre Ignatius Swasono, direttore ad interim di Caritas Indonesia – e questa, alla vigilia del Natale, ha colpito di notte sorprendendo tutti e non lasciando scampo. I nostri team sono già sul campo a raccogliere le informazioni che ci aiuteranno ad organizzare i nostri aiuti. Le prime distribuzioni di cibo e di generi di prima necessità sono già in corso.
I morti sono molti, come dice il governo, ma per ora non possiamo confermare i dati. Caritas Indonesia sta coordinando l’intervento e porremo la sede dei nostri interventi nelle 3 parrocchie della zona di Cilegon, sull’isola di Giava. Facciamo appello a tutti gli uomini e le donne di buona volontà in Italia per aiutarci ancora una volta in questo momento di sconforto e paura perché il Natale del Signore possa portare speranza alle popolazioni colpite”. Padre Swasono aggiunge: “molti volontari stanno già lavorando e andando verso l’area dello Tsunami. Da ieri l’ospedale cattolico di Cilegon Serang è aperto, a servizio delle comunità, per tutte le persone che hanno bisogno di aiuto”.
Caritas Ambrosiana nel 2018 ha già destinato 55.000€ a Caritas Indonesia-Karina, rispondendo tempestivamente agli appelli di emergenza che per supportare le Caritas Diocesane locali colpite da un  terremoto a Lombok nel mese di agosto e da uno tsunami che a settembre ha devastato la regione del Sulawesi causando migliaia di vittime.
 
E’ possibile sostenere gli interventi del network Caritas con queste modalità:
 
On line:
 DONA ORA CON LA TUA CARTA DI CREDITO 
 
IN POSTA:
C.C.P. n. 000013576228 intestato Caritas Ambrosiana Onlus - Via S. Bernardino 4 - 20122 Milano.
 
CON BONIFICO:
C/C presso il Credito Valtellinese, intestato a Caritas Ambrosiana Onlus IBAN: IT17Y0521601631000000000578 - BIC BPCVIT2S
C/C presso la Banca Popolare di Milano, intestato a Caritas Ambrosiana Onlus IBAN:IT82Q0503401647000000064700
C/C presso Banca Prossima, intestato a Caritas Ambrosiana Onlus     IBAN: IT97Q0335901600100000000348
C/C presso Banca Popolare Etica, intestato a Caritas Ambrosiana Onlus IBAN: IT33R0501801600000011015450
C/C presso Banca Mediolanum intestato a Caritas Ambrosiana Onlus IBAN: IT93T0306234210000001740731

Dopo aver fatto il bonifico bancario siete pregati di contattarci per l'invio della ricevuta validi ai fini della detraibilità/deducibilità fiscale: offerte@caritasambrosiana.it
 
CAUSALE OFFERTA: Tsunami INDONESIA 2018
newsletter
Iscriviti alle nostre newsletter
Dona ora per i progetti Caritas
EVENTI E INIZIATIVE
26/01/2019
Corsi di formazione

Incontri di formazione sul maltrattamento intrafamiliare

La Caritas Ambrosiana organizza due incontri formativi sul tema del maltrattamento intrafamiliare, che si terranno presso la sede della Caritas Ambrosiana i giorni 26 gennaio e 9 febbraio.

02/02/2019
Convegni

Accoglienza Familiare: Scelte di Fraternita', per una Societa' Solidal ...

Convegno annuale dello Sportello Anania per riaffermare il valore sociale e politico delle scelte di affido e adozione.

06/02/2019
Corsi di formazione

Volontariato: in cammino verso l'altro

Corso di formazione rivolto sia a chi desidera diventare volontario, sia a chi è già impegnato in un’attività di servizio offrendo uno spazio di riflessione e di approfondimento. A fine percorso sarà possibile di fissare un colloquio di orientamento presso lo Sportello Volontariato di Caritas Ambrosiana.

08/02/2019
Convegni

Nuovi muri nuovi schiavi - Migranti, tratta e moderne schiavitù

Nel mondo, sono oltre 40 milioni i nuovi schiavi. E sono sempre di più i nuovi muri. Muri reali e simbolici che contribuiscono a creare - anche in Italia - maggiore insicurezza delle migrazioni e costringono le persone ad affidarsi a intermediari pericolosi, esponendole al rischio di traffico di esseri umani e di gravi forme di sfruttamento.

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Costruire cittadinanza con il contributo di tutti

Nel messaggio scritto per la Giornata Mondiale della Pace, che si celebra in tutto il mondo il 1 di gennaio, Papa Francesco fa un severo richiamo ai politici
... Leggi qui

IN EVIDENZA
Progetti in evidenza
Rendicontazioni
Bilancio Sociale 2017

Richiedi gratuitamente il nostro Bilancio Sociale 2017 per vedere come abbiamo lavorato lo scorso anno per raggiungere la nostra missione sociale di incontro ve ...

Rendicontazioni
Trasparenza

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2017 dalla pubblica ammini ...

Lasciti testamentari
Lasciti Testamentari

Scegli di fare un dono nel testamento a favore di Caritas Ambrosiana e sarai per sempre al fianco di chi ha più bisogno. Da oltre 50 anni Caritas Ambrosiana ope ...