Povertà che fa spavento. Serve una reazione intelligente



«In pochi anni la situazione si è capovolta: non sono più lontani quelli che sono nel bisogno ma sono in mezzo a noi, perché sono venuti dalle altri parti del mondo. Ma poi ci sono anche coloro che condividono la nostra cittadinanza e non hanno il necessario per poter fare una vita minimamente dignitosa. Questa è una novità che fa spavento di fonte alla quale dovremmo essere capaci di una reazione intelligente, creativa, piena di convinzione e di fiducia».
 
Lo ha detto questa mattina,  il priore della Comunità di Bose, Enzo Bianchi, a margine del convegno delle caritas parrocchiali della diocesi di Milano dedicato al tema della nutrizione, dove il monaco è intervenuto sul tema “Eucaristia come condivisione”. 
«La liturgia cristiana ha un aspetto verticale che deve rivolgersi necessariamente in un gesto orizzontale intra-umano. Quando era giovane il discorso sui poveri era più performativo, ora ritorna dopo un lungo silenzio grazie a Papa Francesco. Quale vantaggio può avere Cristo se il suo altare è coperto di oro mentre fuori dalle chiese i poveri muoiono di fame? Ai doni simbolici bisogna far precedere i gesti concreti che sono l’aiuto ai chi non ha nulla», ha sottolineato durante il suo intervento.
 
Ha ricordato la drammatica situazione dell’Africa, ma anche il grande impegno della Chiesa locale in quella regione il segretario generale della Caritas  Senagal, abbé Ambroise Tine: «I profughi non sono solo a Lampedusa, ma anche a Dakar. Anche noi accogliamo i migranti di passaggio e con la micro-finanza aiutiamo 70mila donne a sviluppare attività che producono ricchezza e permettono alle famiglie di vivere».
 
All’incontro hanno partecipato oltre 800 volontari impegnati nelle oltre mille parrocchie e nei 320 centri di ascolto Caritas della diocesi di Milano. Al termine hanno acquistato il pane cucinato dalle donne rom e rifugiate politiche della cooperativa Eurosia di Taino. Le offerte serviranno a sostenere la campagna contro la fame nel mondo “Una sola famiglia umana, cibo per tutti”, promossa in tutto il mondo dai 164 organismi che fanno parte di Caritas Internationalis.

Scarica il messaggio del Cardinal Scola per la Giornata Diocesana Caritas 2014
newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Regali solidali
EVENTI E INIZIATIVE
23/07/2024
Iniziative

Il pranzo è servito

Caritas Ambrosiana, insieme alla sua Associazione Volontari e alla Cooperativa Farsi Prossimo, torna ad organizzare al refettorio Ambrosiano l'iniziativa del "Pranzo è servito"

13/06/2024
Convegni

20 anni di educazione al debito responsabile e di prevenzione dell’usu ...

Giovedì 13 giugno 2024 dalle ore 9:30 alle ore 12:30 - Università Cattolica del Sacro Cuore - Largo Agostino Gemelli 1 - Milano - Sala Pio XI. Iscriviti gratuitamente all'evento. Il convegno sarà dedicato ai temi del sovra indebitamento delle famiglie, delle disuguaglianze sociali ed economiche e del contrasto all’usura...

24/05/2024
Convegni

Disabilità e povertà nelle famiglie italiane

Venerdì 24 maggio alle 10.30 a Milano sarà presentata, alla presenza dell'Arcivescovo, la prima ricerca “Disabilità e povertà nelle famiglie"

20/05/2024
Convegni

Una riforma che si fa attendere

La Commissione Anziani di Caritas Ambrosiana propone uno spazio di confronto in cui fare il punto sulle politiche a favore delle persone anziane

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Sulla salute nessun azzardo, è tempo di responsabilità
Nel 2023 la somma raccolta in Italia dal gioco d’azzardo ha raggiunto un nuovo record, salendo a quota 147,7 miliardi di euro... Leggi qui

IN EVIDENZA
Tabella trasparenza
Trasparenza 2023

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2023 dalla pubblica ammini ...

La nostra offerta
Numero dedicato donatori
Vuoi fare del bene? Chiamaci...

02.40703424 è il nuovo numero da chiamare per sapere come fare del bene... meglio! Chiama il nostro numero dedicato ai donatori Caritas, riceverai tutte le info ...

Progetti in evidenza