Centro “Don Meschi”, trent’anni a servizio dei malati di AIDS

Il centro “Don Isidoro Meschi”, comunità residenziale che accoglie uomini e donne che convivono con il virus Hiv, festeggia i 30 anni di servizio nel territorio lecchese a favore dei malati di Aids e delle loro famiglie. Aperto da Caritas Ambrosiana a Tabiago di Nibionno il 27 novembre 1992, è stato successivamente affidato alla gestione della cooperativa sociale L’Arcobaleno e si è trasferito presso la casa delle suore di Maria Bambina a Maggianico di Lecco (2016), quindi nella sua sede attuale, a Villa Aldé di Lecco (2021).
 
In occasione del trentennale, al cinema Nuovo Aquilone di Lecco si svolgerà la rassegna cinematografica (ingresso gratuito) Il nastro rosso. Aids: l’evoluzione dagli anni ’80. Giovedì 24 novembre, alla presenza del direttore di Caritas Ambrosiana, Luciano Gualzetti, del presidente della cooperativa L’Arcobaleno, Renato Ferrario, e del prevosto di Lecco, monsignor Davide Milani, verrà proiettato il film Philadelphia; giovedì 1 dicembre (Giornata internazionale contro l'Aids) sarà la volta della pellicola Dallas Buyers Club, cui seguiranno interventi di operatori del Centro “Don Meschi”.
 
Nel frattempo, il sito internet e la pagina Facebook dell’Arcobaleno proporrà testimonianze, iniziative e articoli dedicati al tema dell’Aids, nell’ambito della campagna “30 di queste storie”. Che avrà il suo culmine, sabato 26 novembre, in una festa a Villa Aldé (via Montalbano 7) aperta dalle ore 11 a operatori, ospiti di ieri e di oggi, famigliari, sostenitori del centro “Don Meschi”: dopo la Messa celebrata da monsignor Angelo Bazzari (nel 1992 direttore Caritas e propulsore del progetto) e don Mario Proserpio (assistente del centro), verrà inaugurato il murale “Il giardino dell’accoglienza”, ideato e realizzato da ospiti e operatori.
 
IL CENTRO “DON MESCHI” TRA PASSATO E PRESENTE
Il centro “Don Meschi” è stata la seconda comunità dedicata all’accoglienza dei malati di Aids (dopo il centro “Teresa Gabrieli” di Milano) aperta in diocesi da Caritas Ambrosiana. In tre decenni, ha assistito 242 persone, prestando loro cure mediche e psicologiche e accompagnandole nei percorsi di reinserimento sociale e lavorativo. Inizialmente, le persone affette da Hiv, spesso molto giovani e con legami familiari spezzati, avevano un’alta probabilità di non sopravvivere alla malattia. L’accoglienza post-ricovero ospedaliero le accompagnava con gli strumenti delle cure palliative sino al momento della morte; ben 53 dei 75 decessi registrati al “Don Meschi” si sono verificati nei primi 10 anni di funzionamento della struttura. In seguito, l’avvento di farmaci anti-Hiv sempre più potenti ha cambiato le strategie di cura e le prospettive di vita dei malati; chi si cura presto e bene, anche se non guarisce del tutto, può condurre un’esistenza normale, inoltre l’incidenza di nuove diagnosi di Hiv è in continua diminuzione.
 
Il nuovo scenario ha modificato le prospettive di lavoro del centro “Don Meschi”. La casa-alloggio offre accoglienza a persone con multiproblematicità sanitarie e sociali, segnate nel corpo e nella mente da decenni di malattia, invecchiate con l’Hiv o in alcuni casi con diagnosi recenti di infezione, ma con patologia già avanzata. «Soprattutto però il centro “Don Meschi” e la rete Caritas – avverte Luciano Gualzetti, direttore di Caritas Ambrosiana – devono proseguire, e anzi per certi versi devono potenziare, l’impegno informativo, educativo e culturale che hanno espresso sin dagli inizi. Occorre sensibilizzare le giovani generazioni, in chiave preventiva, per renderle consapevoli e responsabili, in modo da abbattere il tasso di trasmissione del virus, elevato soprattutto nella fascia d’età 25-29 anni. Bisogna mantenere alta la guardia nei confronti di pregiudizi e forme di stigma sociale sempre possibili e striscianti: i tempi della ghettizzazione dei malati di Aids sono alle spalle, ma non bisogna mai smettere di curare le paure, che hanno sempre ricadute culturali e producono discriminazioni. Infine, è opportuno non smettere di sollecitare le istituzioni e le comunità, ecclesiali e civili, perché favoriscano percorsi di cura, accoglienza e reintegrazione sociale, che siano efficaci e rispettosi della dignità dei malati».
 
«Sono orgoglioso – gli fa eco Renato Ferrario, presidente della cooperativa L’Arcobaleno – di poter festeggiare i 30 anni della comunità-alloggio con chi l’ha avviata e con tutti coloro che a vario livello hanno contribuito a dare calore, gioia, speranza a tutte le persone che sono state accolte. I tempi sono cambiati dal novembre 1992, momento in cui Caritas Ambrosiana apriva, con tante difficoltà e paure da parte di tanti, la comunità a Nibionno. La cooperativa ha creduto in questa “opera segno”, mettendoci tutto il suo impegno verso gli ospiti e verso il territorio. A distanza di 30 anni vogliamo proporre non solo una celebrazione, ma anche un’occasione per accendere i riflettori sull’Aids, tuttora presente benché se ne parli poco. È vero che sono migliorate le condizioni di vita di chi contrae il virus, ma i contagi sono sempre tanti, anche nel territorio lecchese. Attraverso la visione di due film il 24 novembre e il 1° dicembre, Giornata mondiale contro l’Aids, vogliamo provare a parlarne con tutti».

newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Regali solidali
EVENTI E INIZIATIVE
13/06/2024
Convegni

20 anni di educazione al debito responsabile e di prevenzione dell’usu ...

Giovedì 13 giugno 2024 dalle ore 9:30 alle ore 12:30 - Università Cattolica del Sacro Cuore - Largo Agostino Gemelli 1 - Milano - Sala Pio XI. Iscriviti gratuitamente all'evento. Il convegno sarà dedicato ai temi del sovra indebitamento delle famiglie, delle disuguaglianze sociali ed economiche e del contrasto all’usura...

24/05/2024
Convegni

Disabilità e povertà nelle famiglie italiane

Venerdì 24 maggio alle 10.30 a Milano sarà presentata, alla presenza dell'Arcivescovo, la prima ricerca “Disabilità e povertà nelle famiglie"

20/05/2024
Convegni

Una riforma che si fa attendere

La Commissione Anziani di Caritas Ambrosiana propone uno spazio di confronto in cui fare il punto sulle politiche a favore delle persone anziane

17/05/2024
Iniziative

Fango - Storia di un'alluvione e di profonda umanità

Reading teatrale sull'alluvione in Emilia-Romagna.

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
L’europa con un’anima, fiaccola di speranza
Ma a noi, a noi Caritas, a noi cristiani, a noi operatori e volontari impegnati sugli aspri fronti della lotta alla povertà, dell’impegno per l’eguaglianza, della costruzione della pace, alla fin dei conti che c’importa dell’Europa?... Leggi qui

IN EVIDENZA
Tabella trasparenza
Trasparenza 2023

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2023 dalla pubblica ammini ...

La nostra offerta
Numero dedicato donatori
Vuoi fare del bene? Chiamaci...

02.40703424 è il nuovo numero da chiamare per sapere come fare del bene... meglio! Chiama il nostro numero dedicato ai donatori Caritas, riceverai tutte le info ...

Progetti in evidenza