Appello di modifica delle legge 3/2012

MODIFICARE SUBITO LA LEGGE 3/2012,
INSERENDOVI LE NORME SUL SOVRAINDEBITAMENTO  
GIÀ APPROVATE CON IL CODICE DELLA CRISI

Le fondazioni, le associazioni, coloro che studiano ed operano per contrastare il sovraindebitamento hanno firmato il seguente appello / proposta alle Commissioni Giustizia del Senato e della Camera, al Parlamento, al Governo:

 
Nell’ambito della pesante crisi socio-economica, effetto della pandemia, stiamo assistendo ad un aumento del tasso di disoccupazione generale, a un repentino deterioramento delle condizioni reddituali dei privati e alla conseguente (e già rilevata a livello di prime stime) crescita dei c.d. crediti problematici. Le nuove disposizioni in materia di sovraindebitamento dei consumatori e delle famiglie (o, per meglio dire, dei debitori non fallibili), contenute nel Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza (CCI) e destinate a entrare in vigore il prossimo 15 agosto, avrebbero potuto offrire strumenti adeguati di contenimento del fenomeno, comportando un netto miglioramento degli strumenti giuridici oggi utilizzabili e il superamento di numerose questioni al momento di dubbia interpretazione da parte dei giudici.

L’entrata in vigore dell’intero CCI (compresa la nuova disciplina del sovraindebitamento) è stata però rinviata al 1° settembre 2021 e rimane in essere la vigente l. n. 3/2012, con tutti i punti di debolezza emersi nei suoi otto anni di vita (durante i quali è stata peraltro assai poco utilizzata), che la rendono ora del tutto inadeguata ad affrontare l’ulteriore impoverimento delle famiglie italiane.

Per ovviare a questo indesiderabile risultato si stanno impegnandosi professori universitari, professionisti del settore, magistrati, associazioni e fondazioni.

Chi vi scrive appoggia una proposta di riforma della legge n. 3 del 2012, mediante la quale recepire in via immediata alcune fra le più rilevanti novità introdotte dal CCI.

Tale proposta è stata elaborata nell’ambito di un Tavolo di lavoro, costituito da tempo per contrastare il fenomeno del sovraindebitamento,e promosso tra gli altri dall’Università Cattolica del Sacro Cuore e dalla Fondazione San Bernardino di Milano.

Gli aspetti prioritari della proposta sono:

    introdurre la nozione di indebitamento dell’intero nucleo familiare, invece che individuale (assai meglio in grado di rispondere alle reali modalità con cui le crisi da sovraindebitamento si manifestano e vanno gestite);  

    la possibilità della esdebitazione del debitore incapiente, essenziale per consentire una ripartenza (fresh start) anche se i debiti pregressi non sono stati pagati;  

    una maggiore responsabilizzazione dei finanziatori, che, nell’ipotesi di concessione imprudente del credito, subiscono delle limitazioni di tipo procedurale.  

La contingenza socio-economica scaturita dalla pandemia rende l’intervento impellente e impone di utilizzare la decretazione d’urgenza come veicolo per le modifiche normative. In particolare, dato che l’obiettivo principale della proposta di riforma è semplificare sul piano procedurale e sostanziale le condizioni di accesso del debitore agli istituti del piano del consumatore e dell’esdebitazione (anche con riguardo al socio illimitatamente responsabile di società di persone), un contesto adeguato sembra essere quello della conversione in legge del Decreto semplificazioni.
In assenza di una più efficiente disciplina sul sovraindebitamento, numerosi soggetti vedrebbero accresciuta la situazione di difficoltà e sarebbero a rischio di trovarsi vittime di condotte estorsive ed usurarie da parte di organizzazioni criminali dotate della liquidità che a quei soggetti fa difetto.

Infine, perché la procedura possa costituire, nell’immediato futuro, uno strumento di gestione efficace delle crisi dei privati, sarebbe necessario prevedere, tra gli stanziamenti relativi agli «ammortizzatori sociali», forme di sostegno pubblico che rendano sostenibili per gli indebitati le spese della procedura. A questo fine, si potrebbe pensare a un rafforzamento organizzativo e di dotazione del Fondo di prevenzione dell’usura ex art. 15, l.n. 108/96, che sin dall’origine nasce proprio a questo scopo.

Queste le associazioni che hanno firmato l’appello:  
Associazione dei Docenti di Diritto dell'Economia (ADDE), Fondazione San Bernardino onlus, Associazione Culturale Favor Debitoris, Federazione europea per la giustizia, Fondazione Nashak, Ritmi – Rete italiana di microfinanza, Consulta nazionale antiusura "Giovanni Paolo II" o.n.l.u.s, Snarp sindacato nazionale anti usura, Fondazione un raggio di luce onlus – Pistoia,  San Giuseppe imprenditore associazione di promozione sociale, Fondazione mons. Vito de Grisantis, Fondazione san Gaudenzio di Novara, Centro commerciale VomeroArenella, Confimprese Napoli, Movimento consumatori, NeXt – Nuova Economia per Tutti, Cittadinanzaattiva, Assoutenti, Unione Nazionale Consumatori, Federconsumatori, Movimento difesa del cittadino, Adoc, Adusbef, Assoconsum, Udicon, Confconsumatori, Casa Del Consumatore, Adiconsum, Ctcu.   

La proposta è stata sottoscritta, a titolo personale, anche da docenti universitari, magistrati, professionisti del settore e associazioni di professionisti, operatori nel sociale:
Giacomo Di Gennaro, Lucilla Gatt, Felice Ruscetta, Ernesto Savona, Transcrime Università Cattolica del Sacro Cuore, Didone Antonio, Aldo A. Dolmetta, Alessandro Farolfi, Pasquale Riccio, padre Alex Zanotelli, Fabio Picciolini, avv. Biagio Riccio, avv. Roberto Tieghi, avv. Dino Crivellari, avv. Emanuele Petracca, avv. Valeria Manzo, dott. Nicola Benini, dott. Adele Durante avv. Roberto Di Napoli, avv.Angela Blando, avv. Cristina Sgobbo, avv. Attilio Vaccaro Belluscio, dott. Gianfranco Soccorsi, Ciro Pennino, Marzotto Giuseppe, Raffaello Capunzo, Sonia Corradini, Fabio Bonanni, Luisa Paratore, Studio legale perizie, LEGGE3, Masterlegalservice, M.T.S. MULTISERVICE S.r.l., Misdebito.

Scarica la bozza dell’emendamento
newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Regali solidali
EVENTI E INIZIATIVE
09/02/2023
Iniziative

Webinar presentazione Cantieri 2023

Ci siamo!! I Cantieri della Solidarietà 2023 stanno arrivando. Iscriviti al webinar di presentazione per conoscere il percorso di quest'anno.

18/02/2023
Convegni

Beati i costruttori di guerra?

Nel 60° anniversario dell’enciclica Pacem in Terris di papa Giovanni XXIII e in una condizione di guerra che coinvolge da vicino l’Europa e decine di altri Paesi nel mondo, il Convegno Mondialità 2023 intende offrire una riflessione particolare sui temi della pace e della guerra.

20/02/2023
Convegni

Semi di giustizia. Sistema sanzionatorio penale e giustizia riparativa ...

Lunedì 20 febbraio alle ore 14.15. Seminario di approfondimento sulle novità introdotte dalla riforma ‘Cartabia’ nel sistema sanzionatorio penale e in materia di giustizia riparativa...

07/02/2023
Iniziative

Webinar progetti Quaresima 2023

Segui la diretta streaming del webinar di presentazione dei progetti di Quaresima di fraternità per il 2023 sul canale Youtube di Caritas Ambrosiana. Con interventi dal Brasile, Nicaragua, Rep. Centrafricana e Sierra Leone da parte dei responsabili dei progetti.

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 

Casa della Carità. Tre piani di nuovi servizi
Dopo un lavoro di ristrutturazione durato tre anni, monsignor Mario Delpini, arcivescovo di Milano, ha inaugurato mercoledì 1° febbraio la Casa della Carità di Lecco... Leggi qui


IN EVIDENZA
Emergenze in corso
La nostra offerta
Tabella trasparenza
Trasparenza 2021

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2021 dalla pubblica ammini ...

Numero dedicato donatori
Vuoi fare del bene? Chiamaci...

02.40703424 è il nuovo numero da chiamare per sapere come fare del bene... meglio! Chiama il nostro numero dedicato ai donatori Caritas, riceverai tutte le info ...