Prima la casa, conviene proprio a tutti

Prima la casa. Sembra uno slogan in odore di demagogia. Invece è un’esigenza cruciale dei tempi che corrono. La pandemia ci ha insegnato che, senza la disponibilità di un alloggio stabile, sicuro, confortevole, e dunque se non è assicurato il diritto a un buon abitare, diventa impossibile fruire anche di altri diritti cruciali, a cominciare da quello alla salute. Ma non è solo questione di resistenza all’impeto del virus: Housing first, “prima la casa”, è una prospettiva che acquista sempre maggior centralità, nei percorsi di lotta alla vulnerabilità e alla marginalità sociale, e dunque nei processi di inclusione.

Tale centralità viene sperimentata, ormai da anni, sul fronte che sta più a cuore ai promotori e ai lettori di Scarp de’ tenis. Ovvero la lotta all’homelessness. I cosiddetti “approcci Housing first”, teorizzati negli Stati Uniti, disseminati in molti contesti internazionali, incorporati ormai stabilmente nelle direttive dell’Unione europea e più recentemente nei documenti del welfare italiano, prevedono che il tradizionale approccio “a scalini” (prima l’accoglienza di bassa soglia, poi luoghi e servizi di prima e seconda accoglienza, infine l’immissione in una dimora autonoma) venga sostituito dall’ingresso immediato in un alloggio, punto di partenza, e non di approdo, del faticoso percorso di risalita e ricostruzione dell’autonomia personale.

É un metodo che non va assolutizzato. Non sempre, non ovunque e non per chiunque può sostituire gli strumenti classici (dormitori, comunità, case alloggio, mense, lavanderie…) dell’accoglienza organizzata e collettiva. Ma ha dimostrato di produrre buoni risultati con tanti homeless, perché offre alla persona in difficoltà un centro saldo (materiale e psicologico) attorno al quale ricostruire speranze, autostima, relazioni. In più, è anche una strategia che può contribuire a contenere i costi delle politiche di settore.

Dunque giova all’individuo, e giova al sistema. Tanto da potersi proporre come ricetta valida anche in ambiti ulteriori. La ricerca Prigionieri di un tugurio, curata da Caritas Ambrosiana e dai partner di un progetto europeo sviluppato in 5 paesi Ue, dimostra per esempio la centralità, nella questione Rom, della questione abitativa. Non si possono chiedere – è la tesi cardine dell’indagine, accreditata da autorevoli università – impegni convincenti di integrazione, a chi è costretto a sopravvivere in una baracca, in un ghetto etnico, senza forniture decenti di acqua ed energia, senza accesso al credito bancario per affittare o acquistare un appartamento, anche quando potrebbe permetterselo.

Disporre di una casa, base stabile di vita e di benessere, conferisce dignità e regala sicurezze. All’individuo e al suo nucleo famigliare. Su quella roccia, si può erigere l’edificio di un’esistenza legale e integrata. Aperta a regolari percorsi di istruzione, di lavoro, di tutela della salute. Le politiche pubbliche e gli sforzi del privato sociale devono badare al sodo: assicurare il diritto alla casa non equivale a far concessioni ai non meritevoli, ma serve a costruire e conservare le premesse della coesione e della pace sociale.

Un tetto per tutti. Conviene proprio a tutti.

Luciano Gualzetti


Leggi tutto l'inserto di Farsi Prossimo sul Segno di Febbraio 2022
newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Regali solidali
EVENTI E INIZIATIVE
13/06/2024
Convegni

20 anni di educazione al debito responsabile e di prevenzione dell’usu ...

Giovedì 13 giugno 2024 dalle ore 9:30 alle ore 12:30 - Università Cattolica del Sacro Cuore - Largo Agostino Gemelli 1 - Milano - Sala Pio XI. Iscriviti gratuitamente all'evento. Il convegno sarà dedicato ai temi del sovra indebitamento delle famiglie, delle disuguaglianze sociali ed economiche e del contrasto all’usura...

24/05/2024
Convegni

Disabilità e povertà nelle famiglie italiane

Venerdì 24 maggio alle 10.30 a Milano sarà presentata, alla presenza dell'Arcivescovo, la prima ricerca “Disabilità e povertà nelle famiglie"

20/05/2024
Convegni

Una riforma che si fa attendere

La Commissione Anziani di Caritas Ambrosiana propone uno spazio di confronto in cui fare il punto sulle politiche a favore delle persone anziane

17/05/2024
Iniziative

Fango - Storia di un'alluvione e di profonda umanità

Reading teatrale sull'alluvione in Emilia-Romagna.

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
L’europa con un’anima, fiaccola di speranza
Ma a noi, a noi Caritas, a noi cristiani, a noi operatori e volontari impegnati sugli aspri fronti della lotta alla povertà, dell’impegno per l’eguaglianza, della costruzione della pace, alla fin dei conti che c’importa dell’Europa?... Leggi qui

IN EVIDENZA
Tabella trasparenza
Trasparenza 2023

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2023 dalla pubblica ammini ...

La nostra offerta
Numero dedicato donatori
Vuoi fare del bene? Chiamaci...

02.40703424 è il nuovo numero da chiamare per sapere come fare del bene... meglio! Chiama il nostro numero dedicato ai donatori Caritas, riceverai tutte le info ...

Progetti in evidenza