Emergenza Rohingya


Il Bangladesh ha ospitato, se includiamo tutti i rifugiati Rohingya che dal 1978 trovano riparo e protezione nel Paese, oltre un milione di persone provenienti dal Myanmar e di etnia, appunto, Rohingya.
 
A fasi alterne ondate di violenze e migrazioni hanno portato centinaia di migliaia di persone ad attraversare il confine per rifugiarsi nel Paese confinante dove, però, le condizioni di vita sono tutt’altro che semplici.
Al momento oltre 740 mila rifugiati sono accolti nel campo profughi più grande del mondo, nel distretto di Cox’s Bazar. Le durissime violenze e repressioni scoppiate nello stato del Rakhine in Myanmar che hanno visto interi villaggi incendiati sistematicamente dall’esercito regolare, donne stuprate con ugual sistematicità ed omicidi su larga scala, hanno portato ad un esodo mai visto prima.
 

La soluzione per il rimpatrio dei Rohingya, in patria nemmeno riconosciuti come gruppo etnico ufficiale, è molto lontana e negli ultimi tre anni nessun rimpatrio è andato a buon fine.
 
Intanto le condizioni di vita dei rifugiati sono sempre precarie dal punto di vista fisico, in baracche di lamiera e bambù ma anche sul versante psicologico, dove l’incertezza e la precarietà senza prospettive sono divenute condizioni di normalità, cosi come lo sono la carenza di servizi essenziali, il mancato accesso ai beni di prima necessità e la negazione di qualsiasi partecipazione ai processi decisionali.

 

Sono stati costruiti oltre 50 mila rifugi temporanei – ora divenuti “stabili” – e circa il 75% delle famiglie deve condividere l’alloggio con altre mentre i bambini perdono anni di istruzione formale e generazioni intere resteranno senza radici.
 

 
L’epidemia da Covid -19 è solo una problematica aggiuntiva alle numerose emergenze che la popolazione vive: monsoni, malattie di altra origine, conflitti con la popolazione ospitante e interni, siccità.
  
 
di Beppe Pedron, Caritas Italiana
 
 
Inoltre:
 
Leggi la storia di Ashid:
Nel Cielo, la speranza per Ashid. Vita nel campo profughi più grande del mondo: Cox’s Bazar

 

Se vuoi sostenere questo intervento, dona ora.


newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Emergenza Coronavirus - Dona ora
EVENTI E INIZIATIVE
21/04/2021
Convegni

SEGNALI DEL WELFARE CHE SARÀ

Oltre la dittatura dell'emergenza: neoassistenzialismo e generatività. 1° webinar – mercoledì 21 aprile 2021, ore 18.30 – 20.00

22/04/2021
Iniziative

Giornate di eremo - Al primo posto c’è l’amore

Giovedì 22 aprile h. 18.30 - Al primo posto c’è l’amore - I Cor 13, 1-13 a cura di don Matteo Rivolta - Responsabile Caritas Zona Pastorale di Varese. Iscriviti gratuitamente all'evento in diretta Youtube sul canale di Caritas Ambrosiana

28/04/2021
Convegni

TRA ASSISTENZA E ATTIVAZIONE: CONFRONTO TRA ESPERIENZE GENERATIVE

Oltre la dittatura dell'emergenza: neoassistenzialismo e generatività. 2° webinar – mercoledì 28 aprile 2021, ore 18.30 – 20.00

05/05/2021
Convegni

“LÌ SONO INSERITI I POVERI, CON LA LORO CULTURA, I LORO PROGETTI E LE ...

Oltre la dittatura dell'emergenza: neoassistenzialismo e generatività. 3° webinar – mercoledì 5 maggio 2021, ore 18.30 – 20.00

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Cibo, buttiamo di più mentre altri non mangiano

A causa dello smart working e più ancora delle limitazioni anti Covid che hanno colpito in modo particolare il settore, bar e ristoranti acquistano una minore quantità di cibo.

.... Leggi qui

IN EVIDENZA
Progetti in evidenza
Quaresima 2021

I progetti proposti saranno realizzati in Albania, Sud Sudan e Thailandia. Vai alla pagina dedicata e scarica i materiali disponibili per promuovere i progetti

La nostra offerta
Progetti in evidenza
Rendicontazioni
Trasparenza

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2019 dalla pubblica ammini ...