Emergenza ebola: problemi di sicurezza alimentare

Quando Augustine Tamba Fallah stava considerando l’idea di guidare fino a Kenema, una delle zone più pericolose per la diffusione di ebola in Sierra Leone, i suoi famigliari gli dicevano di non andare, avevano paura, ma Fallah ha deciso lo stesso di intraprendere il viaggio.
 
Non stava trasportando un siero sperimentale né un equipaggiamento di alta tecnologia per combattere l’ebola. Stava semplicemente consegnando cibo.
 
L’ebola si sta diffondendo attraverso l’Africa occidentale e questo non solo provoca pensanti conseguenze per chi contrae la malattia, ma ha anche pesanti ricadute per chi rimane sano. Spesso i mercati sono chiusi e i viaggi vengono limitati. Intere famiglie in quarantena non possono andare nei campi a coltivare e i camion, inclusi quelli che trasportano derrate alimentari, non possono entrare in vaste aree del Paese.
 
“Il blocco significa che la gente non può andare in giro e fare qualsiasi cosa” ci racconta Ishmeal Charles di Caritas Freetown. “Se una donna vende patate per vivere, deve andare nel suo orto ogni mattina, poi andare al mercato e cercare di vendere i suoi prodotti. Se le cose vanno bene, la donna avrà abbastanza soldi per sfamare se stessa e la sua famiglie”.
 
“Ora tutto è fermo e la gente sta diventando sempre più povera ogni giorno che passa”.
 
Una vera e propria crisi sta colpendo tutto il Paese. La drammatica situazione delle Sierra Leone ha portato disoccupazione sia nelle aree urbane, sia in quelle rurali. A Freetown “sono state licenziate molte persone che lavoravano in alberghi e pensioni, molti uffici hanno chiuso i battenti” dice Fallah.
 
Questo isolamento pare che faccia più danni della paura dei contrarre l’ebola. “La città è chiusa, fatta eccezione per le persone che consegnano il cibo come me…” racconta Fallah. “Hanno messo in quarantena così tante case che nessuno può uscire, ma per fortuna ho avuto un pass”.
 
“Le persone vanno intorno alla casa del vescovo in cerca di assistenza; i loro genitori sono morti e non c’è nessuno che si possa prendere cura della famiglia” racconta Patrick Jamiru di Caritas Kenema.
 
Anche quando non c’è alcun lutto in famiglia le restrizioni e i coprifuoco imposti per motivi di sicurezza stanno creando enormi problemi e disagi: i prezzi delle derrate alimentari sono aumentati e in alcune zone è complicato potersi procurare il cibo necessario per la sopravvivenza.
 
Per le persone sottoposte a quarantena obbligatoria,  di 21 giorni, a causa di contatti sospetti con persone potenzialmente contagiate la situazione alimentare è anche peggiore. “Ci sono case in Kanema e in Freetown che vengono messe in quarantena. Non danno loro da mangiare per giorni” racconta Fallah. “Ci sono guardie di sicurezza attorno alle case. Se qualcuno scappa viene catturato, è un grosso problema”.
 
La chiusura delle frontiere non solo influenza i mercati e le consegne locali, ma anche la spedizione di cibo sulle vie d’acqua e via terra verso altri Paesi. “Qui in Liberia, l’alimento base è il riso” ci dice Napoleon Cooper, responsabile della Caritas Liberia. “Nella popolazione c’è il terrore che questo cibo possa terminare e che ci sia una carenza di riso”.
 
Le persone che hanno la fortuna di sopravvivere all’ebola si trovano nella necessità di rimettere su casa perché tutto viene distrutto e dato alle fiamme per evitare il diffondersi del contagio.
 
Attraverso le sue reti la Chiesa e la Caritas stanno cercando di contrastare il diffondersi del virus. In Guinea la Caritas si sta organizzando per distribuire cibo durante le settimane di quarantena.
Nel contempo Caritas sta lavorando per rispondere ai bisogni più immediati facendo attenzione a non mettere in pericolo il personale.
 
Augustine Tamba Fallah ha pensato che il suo lavoro era rischioso, ma non è riuscito a rimanere indifferente alle sofferenze della sua gente, dei suoi connazionali… “Il primo sentimento è per l’altro, è aiutare le persone in difficoltà… ma il secondo deve essere quello di essere attenti a non ammalarsi”.
 
Quando è arrivato con il suo camion pieno di cibo la gente ballava e cantava “Ma io non permetto a nessuno di toccarmi… ho detto – mi dispiace…”
“Ma questo cibo l’ho portato per te…”

Come donare

  Dona con la tua carta di credito on line  

C.C.P. n. 000013576228 intestato Caritas Ambrosiana Onlus - Via S.Bernardino 4 - 20122 Milano.
C/C presso il Credito Valtellinese, intestato a Caritas Ambrosiana Onlus IBAN: IT17Y0521601631000000000578
C/C presso la Banca Popolare di Milano, intestato a Caritas Ambrosiana Onlus IBAN: IT51S0558401600000000064700
C/C presso Banca Prossima, intestato a Caritas Ambrosiana Onlus IBAN: IT97Q0335901600100000000348

Causale Emergenza Ebola 2014
Le offerte sono detraibili fiscalmente.

newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Emergenza Coronavirus - Dona ora
EVENTI E INIZIATIVE
21/04/2021
Convegni

SEGNALI DEL WELFARE CHE SARÀ

Oltre la dittatura dell'emergenza: neoassistenzialismo e generatività. 1° webinar – mercoledì 21 aprile 2021, ore 18.30 – 20.00

22/04/2021
Iniziative

Giornate di eremo - Al primo posto c’è l’amore

Giovedì 22 aprile h. 18.30 - Al primo posto c’è l’amore - I Cor 13, 1-13 a cura di don Matteo Rivolta - Responsabile Caritas Zona Pastorale di Varese. Iscriviti gratuitamente all'evento in diretta Youtube sul canale di Caritas Ambrosiana

28/04/2021
Convegni

TRA ASSISTENZA E ATTIVAZIONE: CONFRONTO TRA ESPERIENZE GENERATIVE

Oltre la dittatura dell'emergenza: neoassistenzialismo e generatività. 2° webinar – mercoledì 28 aprile 2021, ore 18.30 – 20.00

05/05/2021
Convegni

“LÌ SONO INSERITI I POVERI, CON LA LORO CULTURA, I LORO PROGETTI E LE ...

Oltre la dittatura dell'emergenza: neoassistenzialismo e generatività. 3° webinar – mercoledì 5 maggio 2021, ore 18.30 – 20.00

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Cibo, buttiamo di più mentre altri non mangiano

A causa dello smart working e più ancora delle limitazioni anti Covid che hanno colpito in modo particolare il settore, bar e ristoranti acquistano una minore quantità di cibo.

.... Leggi qui

IN EVIDENZA
Progetti in evidenza
Quaresima 2021

I progetti proposti saranno realizzati in Albania, Sud Sudan e Thailandia. Vai alla pagina dedicata e scarica i materiali disponibili per promuovere i progetti

La nostra offerta
Progetti in evidenza
Rendicontazioni
Trasparenza

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2019 dalla pubblica ammini ...