Ebola: una quarantena lunga tre mesi

La gente viene da me e dice “Sorella, non abbiamo nulla da mangiare oggi”. Se ho qualche moneta gliela offro e li rendo molto felici e riconoscenti. Se invece non ho denaro mi sento impotente e un po’ preoccupata. Queste persone sono gentili e semplici e l’ebola ha sottratto loro le fonti di sostentamento e a volte gli ha rubato anche la dignità.
 
La città di Kenema, in Sierra Leone, è stata una delle più colpite dal terribile virus dell’ebola. Molte famiglie sono stata letteralmente spazzate via e molti bambini sono rimasti orfani. Mi imbatto spesso anche in molti vedovi e molte vedove che hanno perso i loro congiunti a causa della malattia. Le persone sono traumatizzate e stigmatizzate.
 
Kenema è stata dichiarata una epicentro della malattia ed è stata messa in quarantena dal resto del Paese per quasi tre mesi. Sono state adottate severe misure di isolamento. Le persone possono muoversi, ma solamente all’interno della città.
 
Possono entrare solamente i veicoli con scorte di cibo e medicinali e ci sono severi controlli lungo tutta la strada. Coloro che sono riusciti a portare in città degli alimenti hanno cominciato a speculare aumentandone considerevolmente i prezzi così le persone più povere non possono permettersi il cibo necessario al proprio sostentamento.
 
Girando per il mercato posso notare che molta gente acquista piccole quantità di alimenti primari come riso, pesce, olio e verdura perché i prezzi salgono quotidianamente. Così sono veramente poche le persone che possono permettersi tre pasti. La gente appare spesso anemica e malnutrita e diventa una preda più facile per il virus. Non è solo l’ebola a uccidere, ma anche la malnutrizione che tocca una larga fetta della popolazione di Kenema.
 
L’arrivo dell’ebola ha paralizzato anche altri aspetti della vita di tutti i giorni. Le scuole spesso rimangono chiuse. Il Ministero dell’Educazione sta provando a proporre delle lezioni alla radio. Gli studenti si devono incollare ai loro piccoli apparecchi e cercare di imparare qualcosa guidati da una voce lontana. Ma non tutti hanno accesso a questa tecnologia che in Occidente appare obsoleta e scontata.
 
A volte ci si concentra solamente sui pazienti colpiti dall’ebola e ci si dimentica che anche gli altri versano in stato di bisogno, anche i sopravvissuti affrontano tutti i giorni gravi problemi (a volte perché il capofamiglia è morto e non sanno come procurarsi il cibo).

donne cucinano per orfani dell'ebola
 
Vedo studenti che vanno al mercato e cercano di vendere gli oggetti che hanno in casa per sostenere la famiglia.
 
Anche se il Governo, con l’aiuto del mondo esterno, sta cercando di fronteggiare la situazione e di contenere il virus le persone continuano a morire e le case vengono chiuse e messe in quarantena.
 
Parte della popolazione è ancora ignara sulle misure preventive. La pratica tradizionale di lavare e toccare i cadaveri è difficile da dimenticare. Alcune persone insistono per fare i riti di sepoltura tradizionali per i propri cari. Coloro che lavano, vestono, toccano e seppelliscono le vittime dell’ebola quasi sempre ne rimangono contagiati e finiscono per infettare altre persone della famiglia.
 
Ho contattato il signor Patrick Jamiru della Caritas Kenema. Ha organizzato numerosi seminari per sensibilizzare e formare la popolazione alla prevenzione. Ha dato anche molte informazioni agli insegnanti della mia scuola.
Gli insegnanti hanno fatto un sacco di domande soprattutto di natura pratica. La Caritas Kenema ha dimostrato ampia disponibilità a intervenire laddove le autorità non riescono a soddisfare le richieste. Hanno anche chiesto “ma perché andare nei centri di trattamento se non esiste una cura?”. Il signor Jamiru ha spiegato che anzitutto è una misura preventiva per evitare il contagio dei famigliari e che nei centri i medici e gli infermieri possono somministrare delle medicine per tutti i sintomi dell’ebola.
 
Continuiamo a pregare che un giorno l’ebola possa lasciarci in pace!

Suor Anthonia Ezeibekwe è la responsabile della scuola elementare del Santo Rosario e insegna anche presso il Politecnico Universitario Orientale di Kanema in Sierra Leone, una città intera chiusa per quarantena a causa dell’ebola.

Come donare

  Dona con la tua carta di credito on line  

C.C.P. n. 000013576228 intestato Caritas Ambrosiana Onlus - Via S.Bernardino 4 - 20122 Milano.
C/C presso il Credito Valtellinese, intestato a Caritas Ambrosiana Onlus IBAN: IT17Y0521601631000000000578
C/C presso la Banca Popolare di Milano, intestato a Caritas Ambrosiana Onlus IBAN: IT51S0558401600000000064700
C/C presso Banca Prossima, intestato a Caritas Ambrosiana Onlus IBAN: IT97Q0335901600100000000348

Causale Emergenza Ebola 2014

Le offerte sono detraibili fiscalmente.

newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Numero dedicato donatori 0240703424
EVENTI E INIZIATIVE
17/06/2021
Convegni

DOPOSCUOLA TRA RESILIENZA E RIPRESA

Caritas Ambrosiana presenta i dati della ricerca sui doposcuola in quest'anno di pandemia

28/06/2021
Iniziative

Scegli da che parte stare

Caritas Ambrosiana, a fianco dell'esperienza ventennale dei Cantieri della Solidarietà in Italia e all'estero, rilancia per il sesto anno, per l'estate 2021, l'iniziativa "Scegli da che parte stare" organizzata dall'associazione Una Casa Anche Per TE (U.C.A.P.TE) con patrocinio del Comune di Cisliano...

15/06/2021
Iniziative

Inaugurazione centro Bassanini-Tremontani

Martedì 15 giugno, l’arcivescovo di Milano, Mons. Mario Delpini, inaugurerà il centro diurno “Bassanini-Tremontani” per persone senza dimora...

12/06/2021
Iniziative

Premio "Reboot - Riavvio"

Sabato 12 giugno alle 11.00 al Giambellino Kerry Kennedy e Luciano Gualzetti consegnano il premio “Reboot-Riavvio”. Presentazione degli sviluppi del progetto “Nessuno resti indietro” per contrastare il digital divide alla luce di un monitoraggio sui doposcuola parrocchiali…

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 

Casa: una crisi senza sostegno
Il 30 giugno scade la moratoria sulle esecuzioni immobiliari per la prima casa. Circa 120 mila famiglie vivranno un momento tragico

.... Leggi qui

IN EVIDENZA
Numero dedicato donatori
Vuoi fare del bene? Chiamaci...

02.40703424 è il nuovo numero da chiamare per sapere come fare del bene... meglio! Chiama il nostro numero dedicato ai donatori Caritas, riceverai tutte le info ...

Progetti in evidenza
La nostra offerta
Rendicontazioni
Trasparenza

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2019 dalla pubblica ammini ...