Cambia il clima. Il futuro dipende da tutti noi



Ai volontari e agli operatori della Caritas Ambrosiana che lo scorso 9 novembre si sono riuniti a convegno, il professore Roberto Buizza, un fisico che per anni ha diretto in Inghilterra il centro di ricerche dell’istituto meteorologico europeo, ha spiegato che l’Italia è un hotspot climatico. Lo scienziato, che oggi è tornato a vivere in Italia e insegna nella prestigiosa “Scuola superiore di studi universitari e di perfezionamento Sant’Anna di Pisa”, ha chiarito che l’innalzamento medio delle temperature - previsto di circa 2 gradi centigradi entro il prossimo futuro se continueremo a disperdere nell’atmosfera la stessa quantità di gas serra - è appunto un valore medio calcolato tenendo conto dell’incremento globale. In alcune regioni, quindi, il surriscaldamento della terra potrebbe essere maggiore. Il mediterraneo, e il nostro Paese che del mare nostrum è il centro, è una di queste. Nelle previsioni più drastiche, ci ha fatto sapere Buizza, l’aumento delle temperature potrebbe sfiorare nel giro di qualche decennio i 10 gradi. L’innalzamento dei mari, considerato uno degli effetti del cambiamento climatico, avrebbe quindi proprio nel Bel Paese con suoi 7600 chilometri di sviluppo costiero, conseguenze particolarmente gravi.

Pochi giorni dopo le parole del professore sono diventate di tragica attualità. Nella notte tra il 12 e il 13 novembre l’acqua alta ha sommerso Venezia. Nella furia delle polemiche che ne è seguita il sindaco della città, Luigi Brugnaro, ha dichiarato che l’improvvisa marea che ha colto di sorpresa gli abitanti della laguna «è il sintomo emblematico degli effetti climatici». A prescindere dalle ragioni che hanno spinto il primo cittadino ad additare nel clima le cause di questo disastro, ormai la realtà dei fatti impone una presa di coscienza collettiva.

Nella stessa giornata in cui Venezia finiva sotto l’acqua, il centro di Matera veniva sommerso da un fiume di fango provocato da un temporale di intensità inaudita e una tromba d’aria si abbatteva sulle coste di Porto Cesareo.

Fatti casuali? Se i modelli previsionali dei fisici vi paiono troppo eterei, la cronaca un criterio troppo evenemenziale, vi può venire in soccorso la statistica. Mettendo in fila i dati dell’European severe weather database, come ha fatto recentemente su Internazionale, Stefano Liberti, si ha un quadro a tinte fosche del cielo sopra l’Italia. Nel Paese del sole dall’inizio del 2019 si sono verificati 1.543 eventi estremi, nel 2009 sono stati 213, mentre nel 1999 furono 17.
Una progressione impressionante.

Ormai quattro anni fa, con l’enciclica “Laudato si’” papa Francesco ci invitava profeticamente a riconoscere nel grido della terra ferita, quello dei poveri. Proprio oggi che purtroppo misuriamo gli effetti del cambiamento climatico nelle nostre città, dobbiamo riconoscere quanto lungo è lo sguardo di questo pontefice e quanto, ancora una volta, sia promettente la prospettiva che ci indica: la difesa degli ultimi è la difesa dei primi. Perché con buona pace dei sovranisti, compresi quelli di casa nostra, nessuno viene prima di qualcun altro: siamo legati gli uni agli altri dallo stesso destino, perché siamo tutti figli di Dio e condividiamo la stessa, unica terra.       

Luciano Gualzetti




Leggi tutto l'inserto Farsi Prossimo sul Segno di dicembre 2019



newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Dona ora per i progetti Caritas
EVENTI E INIZIATIVE
22/01/2020
Iniziative

QUANDO I RAGAZZI SPICCANO IL VOLO

Serata di presentazione del progetto Le Ali-Sportelli di counselling per ragazzi e genitori a Carate Brianza

30/01/2020
Iniziative

Aperitivo Young Caritas

Giovedì 30 gennaio 2020 ore 18;30 - Via San Bernardino, 4 a Milano Hai un'età compresa tra i 18 e i 30 anni? Vuoi approfondire il tema delle Fake News? ...

01/02/2020
Convegni

Dal buon vicinato all’accoglienza: per una quotidianità condivisa

Convegno annuale dello Sportello Anania sui temi dell'accoglienza

08/02/2020
Convegni

Tratta e schiavitù

Il grande business delle mafie - 8 febbraio 2020. Giornata mondiale contro la tratta di persone. Armi, droga, merce contraffatta, tabacco… ma soprattutto esseri umani. Gruppi criminali internazionali, ma anche mafie italiane, si stanno arricchendo sulla pelle di milioni di persone spesso in condizioni di grande vulnerabilità. Uomini, donne e, sempre più spesso bambini e bambine, vengono trafficati e ridotti in condizioni di vera e propria schiavitù per lo sfruttamento lavorativo...

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Una politica giusta per i deboli. Sarà la volta buona?

Correva l’anno 2018 – e sembra passato un secolo per i tempi della politica italiana – l’estate era appena finita
.... Leggi qui

IN EVIDENZA
Iniziative
Info Volontariato in Caritas Ambrosiana

Scopri come diventare volontario in Caritas Ambrosiana e nelle realtà vicine alla Caritas. Trasformare la tua voglia e la tua energia in servizi utili agli altr ...

Progetti in evidenza
Biglietti di Natale 2019

A Natale scegli i biglietti di Auguri di Caritas Ambrosiana e trasforma i tuoi auguri in un segno concreto di solidarietà a favore delle famiglie che si recano ...

La nostra offerta
Proposte formative per le scuole

Sei un docente di una scuola primaria o secondaria? Vuoi dare la possibiltà ai tuoi alunni di migliorare la loro crescita con delle proposte formative speciali ...

Rendicontazioni
Trasparenza

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2018 dalla pubblica ammini ...