Martini, l’uomo della Parola che credeva nelle Opere

La Caritas Ambrosiana, così come è oggi, deve moltissimo al Cardinal Martini. L’ascolto e l’attenzione agli ultimi, la sollecitudine per il fratello povero sono temi ricorrenti nei suoi interventi lungo tutti i 23 anni in cui fu alla guida dell’Arcidiocesi di Milano. La carità è stato un riferimento costante del suo magistero dalla cattedra di Sant’Ambrogio. Centinaia di omelie, articoli, saggi vi rimandano continuamente. In ognuna delle lettere pastorali se ne possono trarre citazioni. Persino nella prima, agli inizi degli anni 80, dedicata ad un tema così apparentemente lontano, come la dimensione contemplativa della vita, Martini sottolinea che “la carità è frutto fondamentale dell’Eucarestia”, che ”tutta la preghiera deve comunque orientare alla carità”. “L’identità cristiana si esprime nella capacità di testimoniare fedelmente il “primato della carità”, ribadisce negli “Itinerari educativi” del 1988-89. Invita a “vivere la carità nelle relazioni quotidiane”, solo modo per “superare l’ostacolo dell’abitudine e dello scoraggiamento” in Effatà-Apriti, nel 1990-91. Fino ad esplicitare, ormai quasi alla fine del suo mandato, nella lettera “Quale Bellezza salverà il mondo?” (1990-2000), che la “la carità è la Bellezza che si irradia e trasforma chi raggiunge”. Martini, il biblista, l’intellettuale, l’uomo della Parola, sapeva che Essa si rende riconoscibile nella Storia, attraverso le opere. E a promuove le “opere” l’Arcivescovo incoraggiò le comunità ecclesiali, individuando la Caritas Ambrosiana, come lo strumento appropriato a tale compito. Fondamentale, a tale proposito, furono certamente due momenti. Il primo, il Convegno Farsi Prossimo, anticipato nell’85 dalla lettera omonima : «Quali forze vanno risvegliate, quali responsabilità vanno assunte, quali itinerari vanno percorsi, perché noi possiamo ripetere il gesto del buon samaritano qui ed ora, nel mondo di oggi..?», si chiede, cogliendo l’urgenza di rinnovare le forme della carità, il gesto sempre uguale del buon samaritano appunto, che va attualizzato di fronte ad un mondo che, già a metà degli anni 80 globalizzandosi, si apre al confronto tra culture diverse, frantuma identità condivise, liquida dinamiche comunitarie sotto spinte individualistiche sempre più forti. L’Arcivescovo in quella lettera indica che “nella società attuale, amare con paziente concretezza il fratello povero, bisognoso, oppresso significa non limitarsi a fare qualche intervento personale ma anche cercare di risanare le condizioni economiche, sociali, politiche della povertà e dell’ingiustizia”. Non solo. In quella lettera riconosce la necessità di “attrezzare le nostre comunità di strumenti più agili, più capillari, più efficaci di pronto intervento, per casi difficili che non riescono ad essere affrontati dai nomarli mezzi dell’assistenza sociale”. Fu proprio da queste parole che prese corpo l’idea di promuovere organizzazioni dedicate alla carità e parallele al mondo spontaneo del volontariato parrocchiale. Processo che venne consacrato dal 47esimo Sinodo Diocesano, avviato nel novembre del 1993 e conclusosi nel 1995, in cui si affidava alla Caritas “organismo pastorale istituito dall’Arcivescovo al fine di promuovere la testimonianza della carità”, il compito di “coordinamento delle iniziative caritative e assistenziali”. Se oggi la Caritas Ambrosiana può contare su una fitta rete di centri di ascolto, gestiti per lo più da volontari e presenti quasi in ogni decanato della vasta diocesi. Se dispone di cooperative in cui operano professionisti capaci di offrire risposte a domande di assistenza complesse. Se oggi Caritas è in grado di gestire servizi innovativi, spesso all’avanguardia, e di far valere la propria esperienza anche nel dibattito pubblico. Se è riuscita a diventare tutto questo, lo si deve proprio alle intuizioni, prima, e alla guida sollecita e sempre pronta, poi, di un grande uomo di Chiesa, uno dei Pastori più amati che la Diocesi ambrosiana ha avuto in sorte. Per questo ci sentiamo di esperire tutto il nostro cordoglio per la sua scomparsa dopo una lunga malattia sopportata con grande dignità e coerenza. Al cardinale Martini va il nostro saluto e ringraziamento, sorretti dalla speranza che benevolmente saprà guardarci e ispirarci, anche ora, presso il Padre che lo ha voluto chiamare a Sé.

Don Roberto Davanzo

newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Emergenza Coronavirus - Dona ora
EVENTI E INIZIATIVE
08/06/2020
Iniziative

Finestre sul mondo

Ciclo di 4 incontri online aperto ai giovani. In questo secondo appuntamento saremo in Kenya insieme a Nicoletta Sabbetti operatrice Caritas Italiana in Africa

27/05/2020
Iniziative

Giovani creativi nella carità

Il Servizio per i Giovani e l'Università e la Caritas Ambrosiana invitano i giovani (18-30enni) a partecipare ad un mini percorso fomativo, articolato in tre incontri online, sul tema della Carità e della solidarietà.

23/03/2020
Convegni

Carità è missione - RINVIATO A DATA DA DESTINARSI

42° Convegno Nazionale delle Caritas Diocesane Evento rinviato a data da destinarsi

09/03/2020
Convegni

Occasioni di futuro - Gli atti del Convegno mondialità

Sabato 22 febbraio 2020 si è tenuto il Convegno mondialità "Occasioni di futuro". In questo post potete trovare i materiali degli interventi dei singoli relatori

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Coronavirus: al lavoro per i più deboli

Come era prevedibile, dentro l’emergenza sanitaria si è gonfiata, ed alla fine è esplosa, la crisi sociale.

.... Leggi qui

IN EVIDENZA
Progetti in evidenza
Emergenze in corso
Rendicontazioni
Trasparenza

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2019 dalla pubblica ammini ...

Lasciti testamentari
Lasciti Testamentari

Scegli di fare un dono nel testamento a favore di Caritas e sarai per sempre al fianco di chi ha più bisogno.