Cos'è rimasto dell'uomo?

Darius, 16 anni, è stato ritrovato lo scorso lunedì sera, privo di sensi in un carrello della spesa, nel quartiere dei poeti a Pierrefitte-sur-Seine, nella periferia nord di Parigi. Secondo i testimoni, un gruppo di uomini incappucciati e armati di mazze, erano andati a prelevarlo poco prima nella bidonville dove abitava, ritenendo che fosse lui l’autore dell’ennesimo furto nella banlieu. Il ragazzo è in coma, con diverse frattura alla testa, e i medici non sanno ancora dire se si salverà. 

L’episodio che ha indignato non solo in Francia è la cartina di tornasole di un imbarbarimento dei rapporti umani che purtroppo registriamo anche nelle nostre periferie, dove da anni siamo impegnati in un faticoso percorso di accompagnamento dei cittadini rom.
Niente può giustificare quell’atto. Né la miseria di un quartiere abbandonato a se sesso. Né i furti, la cui responsabilità è stata attribuita ai rom che vi si erano insediati.

La pretesa di un gruppo di cittadini di farsi giustizia da sé, oltre a far perdere significato alla parola “giustizia” ci risospinge indietro di secoli in uno stadio primitivo, brutale, dove alla violenza si risponde con la violenza, in un circuito senza fine, una concezione dello stato di diritto indegno della Francia e di qualsiasi altro paese civile.
Quando dei cittadini, per quanto esasperati, prendono in mano le spranghe e riducono in fine di vita una ragazzino, saltano tutti i punti di riferimento, torniamo all’anno zero di ogni possibile convivenza.

Di fronte all’orrore delle immagini di un cranio fracassato che nemmeno gli organi di informazione più cinici nel cavalcare l’odio hanno osato diffondere diventano insufficienti non solo le analisi, ma anche le parole di condanna.
Ogni misura è superata, ogni limite scavalcato. Pare perfino riduttivo derubricare il fatto ad episodio di razzismo, ad effetto collaterale di un campagna d’odio contro una minoranza.

Non rimane che fermarsi a chiedersi che cosa è rimasto dell’uomo.
newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Regali solidali
EVENTI E INIZIATIVE
11/05/2024
Convegni

Caritas dentro a una Chiesa che cambia

Siamo lieti di invitarvi al Convegno Caritas della zona IV dal titolo "Caritas dentro a una Chiesa che cambia"

16/04/2024
Iniziative

Info Cantieri 2024

Ultimi posti disponibili. Ti aspettiamo in sede per approfondire le proposte dei Cantieri della Solidarietà 2024, campi estivi in Italia e all'estero. Leggi come iscriverti

05/04/2024
Convegni

Accompagnare il futuro: il Fondo Diamo Lavoro come opportunità

Venerdì 5 aprile 2024 - Centro Congressi Fondazione Cariplo - Via Romagnosi, 8 - Milano. Una occasione per ripercorrere le tappe del Fondo Famiglia Lavoro e fare il punto sull'efficacia del Fondo Diamo Lavoro: anche sulla base dei risultati raggiunti è possibile analizzare l'evoluzione e i cambiamenti nel mondo del lavoro e soprattutto ragionare su quali interventi sono necessari...

01/04/2024
Iniziative

Refettorio Ambrosiano: Giovani volontari cercasi

Esperienza di volontariato per giovani 18-35 anni

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Un riordino preoccupante, l’azzardo non è un gioco
Avevamo chiesto di non approvarlo. Avevamo avanzato 13 proposte di modifica. Invece lo Schema di decreto (approvato prima di Natale) è diventato Decreto legislativo a pieno titolo... Leggi qui

IN EVIDENZA
Tabella trasparenza
Trasparenza 2023

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2023 dalla pubblica ammini ...

La nostra offerta
Numero dedicato donatori
Vuoi fare del bene? Chiamaci...

02.40703424 è il nuovo numero da chiamare per sapere come fare del bene... meglio! Chiama il nostro numero dedicato ai donatori Caritas, riceverai tutte le info ...

Progetti in evidenza