Refettorio Ambrosiano

Un portale alto più di cinque metri firmato da Mimmo Paladino all'ingresso. Su un lato l'insegna al neon con la scritta «No more excuses» di Maurizio Nannucci. E poi all'interno un grande affresco, 12 metri per 3, di Alessandro Cucchi e un'opera sul tema del pane di Carlo Benvenuto. Uno spazio dedicato all’accoglienza arredato da luci d’autore, 12 grandi tavoli e decine di sedute realizzati dai più grandi designer italiani. Queste opere donate dai loro autori alla città, faranno del Refettorio Ambrosiano non solo una mensa solidale, ma anche uno spazio di fruizione della grande arte italiana aperto ai cittadini. I bozzetti e i disegni del progetto di ristrutturazione curato dal Politecnico di Milano saranno esposti a partire da oggi fino al 22 settembre allo Studio Giangaleazzo Visconti, in corso Monforte, 23 a Milano (ingresso libero da lunedì a venerdì).
 
«Gli artisti coinvolti nel progetto del Refettorio Ambrosiano hanno messo a disposizione gratuitamente le loro capacità. ll Refettorio Ambrosiano ha già realizzato quindi un primo obiettivo: quello di generare una dinamica di generosità per la città, nient'affatto scontata in questo momento di crisi - ha detto monsignor Luca Bressan, vicario episcopale per la Cultura, la Carità, la Missione e l'Azione sociale -. Il Refettorio risponderà al bisogno primario di cibo, ma sarà anche un luogo dove uscire diversi da come si è entrati, questo è d'altra parte il significato della parola refettorio, che viene dal verbo latino reficere, rifare, ristorare. Questa è l'anima del progetto che la mostra di oggi spiega bene».
 
refettorio ambrosiano

Davide Rampello, ideatore del progetto, ha commentato «Quando offri il pane, non è importante solo quello che offri, ma anche come lo offri. Noi vogliamo che in questo luogo le persone si sentano accolte e benvenute. Per questo abbiamo voluto che la mensa fosse un luogo bello, anzi più bello che eravamo capaci di immaginare. In cuor nostro, tutta la squadra - allestitori, artisti, designer, architetti e ingegneri - ha lavorato per fare di questo spazio il secondo più bel refettorio di Milano dopo quello di Santa Maria delle Grazie affrescato da Leonardo da Vinci».
 
«Durante Expo i grandi chef cucineranno con quello che non sarà consumato nei padiglioni. Dopo l'esposizione vogliamo continuare a farlo, cucinando con le eccedenze alimentari perché crediamo in questa provocazione culturale e vogliamo continuare a mandare un messaggio contro lo spreco di cibo. Non sarà facile. Ma ci proveremo. Il Refettorio sarà un luogo di solidarietà a tutto tondo. Non solo cucineremo per chi è in difficoltà, ma lo faremo creando opportunità di lavoro. Tra le ipotesi che stiamo valutando c’è quella di affidare la gestione della mensa alla cooperativa di catering creata da donne rifugiate, M’ama food».

refettorio ambrosiano modellino
 
A sottolineare il valore solidale dell’iniziativa la prossima tappa del progetto. Le copie dei tavoli di design saranno battute all’asta da Sotheby’s il 16 dicembre a Palazzo Broggi a Milano. Il ricavato della vendita, devoluto a Caritas Ambrosiana, servirà per sostenere l’attività della mensa solidale. 
 
Il Refettorio ambrosiano avrà sede nell’ex teatro annesso alla parrocchia San Martino (Comunità Pastorale Beato Giovanni Paolo II) nel quartiere Greco di Milano (piazza Greco, Milano): un edificio risalente agli anni ‘30 e ormai in disuso.
Il progetto nasce dalle intuizioni del regista Davide Rampello e dello chef Massimo Bottura, che da subito hanno coinvolto la Diocesi di Milano e in particolare la Caritas Ambrosiana per tradurre in concreto questa originale idea di solidarietà alla quale si sono unite le eccellenze dell’arte, della cultura e della cucina.

Refettorio ambrosiano aprirà tra maggio e luglio 2015. Per un mese, durante i primi tre di Expo, 40 tra i migliori chef del mondo ideeranno e prepareranno menu a partire dalle eccedenze alimentari raccolte ogni giorno in Expo nel pieno rispetto delle normative vigenti sulla sicurezza alimentare.  Ciò che sarebbe destinato ad essere gettato via, sarà trasformato in piatti di alta cucina, grazie al talento e alla creatività. Al termine dell’esposizione il Refettorio Ambrosiano, gestito da Caritas Ambrosiana, continuerà a funzionare come luogo di solidarietà, di cultura e spazio d’arte. Un luogo che mette al centro il valore del cibo e la lotta agli sprechi alimentari. 

Come donare

  Dona con la tua carta di credito on line  

  Donate with your credit card now  

C.C.P. n. 000013576228 intestato Caritas Ambrosiana Onlus - Via S.Bernardino 4 - 20122 Milano.
C/C presso il Credito Valtellinese, intestato a Caritas Ambrosiana Onlus IBAN: IT17Y0521601631000000000578
C/C presso la Banca Popolare di Milano, intestato a Caritas Ambrosiana Onlus IBAN: IT51S0558401600000000064700
C/C presso Banca Prossima, intestato a Caritas Ambrosiana Onlus IBAN: IT97Q0335901600100000000348

Causale Refettorio Ambrosiano

Le offerte sono detraibili fiscalmente.
newsletter
Iscriviti alle nostre newsletter
Dona ora per i progetti Caritas
EVENTI E INIZIATIVE
03/05/2018
Convegni

L'importanza dell'educazione e dell'istruzione nei percorsi di cittadi ...

Il convegno è l’occasione per un confronto rispetto alla scolarizzazione dei minori rom, e delle prospettive formative e lavorative per adolescenti e adulti rom, nell’ambito del progetto BERA – Basic Education for Roma Adults.

04/05/2018
Convegni

Dieci volte tanto

Venerdì 4 maggio 2018 dalle ore 16 alla presenza di S.E. Mons. Mario Delpini si terrà la presentazione del progetto di Alternanza Scuola Lavoro "Dieci volte tanto" presso la Sala Orlando in Corso Venezia, 47 a Milano.

04/05/2018
Iniziative

Cena di raccolta fondi al Refettorio Ambrosiano

Lo chef stellato giapponese Haruo Ichikawa cucinerà con eccedenze alimentari, a favore del progetto EmPOWERment

07/05/2018
Iniziative

Più siamo più doniamo

L’Arcivescovo Delpini con il sindaco Sala all’inaugurazione di “Più siamo, più doniamo”. Gualzetti: «Solo unendo la Milano che sta vincendo la sfida della globalizzazione e quella che la subisce, avremo una città più equa e anche sicura»

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti
Un patto con i rom. Rispetto delle regole e solidarietà
Per evitare gli sgomberi, i rom hanno imparato a nascondersi. Abbandonati i grandi campi, si sono distribuiti sul territorio, occupando le aree marginali.
  ...Leggi qui

 


IN EVIDENZA
Rendicontazioni
Trasparenza

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2017 dalla pubblica ammini ...

Lasciti testamentari
Lasciti Testamentari

Scegli di fare un dono nel testamento a favore di Caritas Ambrosiana e sarai per sempre al fianco di chi ha più bisogno. Da oltre 50 anni Caritas Ambrosiana ope ...

Progetti in evidenza
Progetti in evidenza
Cinque per mille

C.F. 01704670155
Dona il tuo cinque per mille a Caritas Ambrosiana per sostenere il Rifugio Caritas, a te non costa nulla per Sergio è la possibilità di tor ...