Rapporto sulla povertà - Non abbassiamo la guardia

Dopo un lungo periodo di crisi, per la prima volta il Rapporto delle povertà, presentato a novembre, da Caritas Ambrosiana mette in luce una prima inversione di tendenza. Tutti i principali indicatori che misurano lo stato di bisogno degli utenti tornano ai valori precedenti al 2008.
È presto, naturalmente, per dire che siamo fuori dal tunnel anche in un territorio come quello di Milano e della sua diocesi che gli economisti ci dicono essersi rimesso in moto e aver recuperato quel ruolo trainante del Paese che storicamente ha svolto. Quello che è invece il Rapporto dice con certezza è che chi è stato colpito dalla crisi è rimasto intrappolato sotto le macerie e non si è ancora rialzato. Il dato più allarmate che emerge è infatti la cronicizzazione della povertà.  Se prima del 2008, i poveri cronici erano uno su tre assistiti, oggi chi non riesce ad uscire dalla povertà e quindi è costretto a chiedere un aiuto ai centri di ascolto per più anni di seguito è una persona su due. Dai dati risulta inoltre che i più fragili sono proprio gli italiani. Se infatti in generale un terzo degli assistiti è disoccupato da più di due anni consecutivi, questa percentuale sale oltre il 40% proprio tra i nostri connazionali.

Contemporaneamente, però, il Rapporto fa suonare un altro campanello di allarme. Questa volta relativo agli stranieri. Nei centri di ascolto il loro numero è calato rispetto al 2008. In otto anni un terzo di loro non ha più bussato alle porte della Caritas Ambrosiana. Si può presumere con buona approssimazione che abbiano smesso di aver bisogno del nostro aiuto. Nello stesso tempo, però, si sono fatti avanti i nuovi venuti. Colpisce che tra i nostri assistiti prevalgano gli immigrati provenienti dai paesi subsahariani (42%) sugli europei (24,5%), nonostante siano questi ultimi i più numerosi sul territorio. Dalle nazionalità e dall’esame del loro status legale emerge chiaramente che costoro sono quei richiedenti asilo, arrivati nel nostro paese coi barconi, cui è stato rifiutato il titolo di rifugiati politici e che quindi si ritrovano sul territorio senza casa, lavoro e nemmeno un permesso di soggiorno, requisito indispensabile per qualsiasi percorso di integrazione.

Se le cose stanno così si impone allora un ragionamento: come aiutare i primi, gli italiani fragili schiacciati dalla crisi, senza dimenticarci dei secondi, spesso giovani di colore che hanno affrontato il deserto e il Mediterraneo e in fondo ci chiedono solo una possibilità.

Nel discorso pubblico gli uni e gli altri vengono spesso contrapposti. Fintanto che si continuerà a farlo difficilmente potremmo aspettarci che dalle istituzioni venga una soluzione ai problemi di nessuno dei due gruppi.
    
Alla luce di tutto questo è per noi importante curare le comunità perché prevengano il conflitto tra i poveri e le semplificazioni chiedendo a tutti, istituzioni, imprese, terzo settore un supplemento di responsabilità per superare l’indifferenza nei confronti dei poveri. I quali devono parallelamente diventare protagonisti del loro riscatto partecipando ai percorsi di integrazione e cittadinanza. 

Luciano Gualzetti

Leggi tutto l'inserto di Farsi Prossimo sul Segno di Dicembre 2017
 


newsletter
Iscriviti alle nostre newsletter
Dona ora per i progetti Caritas
EVENTI E INIZIATIVE
27/05/2018
Iniziative

“LA CITTÀ INCANTATA” al Refettorio Ambrosiano

DOMENICA 27 MAGGIO – ORE 21 (CENA ORE 20) CONCERTO-SPETTACOLO DEI DETENUTI DI SAN VITTORE CON CENA SOLIDALE PREPARATA DELLE DETENUTE DELLA LIBERA SCUOLA DI CUCINA

08/05/2018
Convegni

Il reddito di inclusione (REI)

Seminario per operatori delle Caritas territoriali, Martedì 8 maggio 2018 - Ore 17-19 presso la sede di Caritas Ambrosiana. Dal 1 dicembre us il nostro Paese può finalmente contare su una misura unica nazionale di contrasto alla povertà: il reddito di inclusione(REI). Anticipato dal SIA (sostegno per l’inclusione attiva), misura ponte, incontra nei territori attese, fatiche e molte domande. Si tratta ora di affrontare la sfida dell’attuazione.

07/05/2018
Iniziative

Più siamo più doniamo

L’Arcivescovo Delpini con il sindaco Sala all’inaugurazione di “Più siamo, più doniamo”. Gualzetti: «Solo unendo la Milano che sta vincendo la sfida della globalizzazione e quella che la subisce, avremo una città più equa e anche sicura»

04/05/2018
Iniziative

Cena di raccolta fondi al Refettorio Ambrosiano

Lo chef stellato giapponese Haruo Ichikawa cucinerà con eccedenze alimentari, a favore del progetto EmPOWERment

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti
Migranti. Serve una nuova cultura
L’accoglienza dei migranti è non popolare tra gli italiani. Secondo recenti indagini il 43% dei nostri connazionali ritiene sia giusto accettare solo i profughi...
  ...Leggi qui

 


IN EVIDENZA
Rendicontazioni
Trasparenza

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2017 dalla pubblica ammini ...

Lasciti testamentari
Lasciti Testamentari

Scegli di fare un dono nel testamento a favore di Caritas Ambrosiana e sarai per sempre al fianco di chi ha più bisogno. Da oltre 50 anni Caritas Ambrosiana ope ...

Progetti in evidenza
Progetti in evidenza
Cinque per mille

C.F. 01704670155
Dona il tuo cinque per mille a Caritas Ambrosiana per sostenere il Rifugio Caritas, a te non costa nulla per Sergio è la possibilità di tor ...